Impianti sciistici chiusi fino a febbraio. Dufour (Sci Cai Conegliano): “Speriamo di poter ripartire”

1519e885 c398 4f99 affc 7bb7d58dcfd3

In montagna si freme: la neve è arrivata, le piste sono pronte ma i dubbi sulla riapertura sono ancora tanti e la stagione invernale 2021 per lo sci rischia di arrivare al fotofinish, disposizioni e dpcm permettendo.

Tante attività e associazioni sportive del territorio dell’Alta Marca sono ancora ai blocchi di partenza in attesa di un via libera che però, potrà arrivare, salvo cataclismi, dal 15 febbraio.

Tra queste troviamo una delle società storiche delle nostre zone come lo Sci Cai Conegliano, che, nata nel 1947, organizza attività riguardanti il mondo dello sci dalla presciistica ai corsi per principianti fino ad arrivare all’agonismo.

1519e885 c398 4f99 affc 7bb7d58dcfd3

E con il Presidente del collettivo coneglianese, nonchè consigliere della Fisi Provinciale Ferdinando Dufour si è discusso del tema dello stop agli sport invernali: “Fortunatamente i nostri ragazzi sono riusciti a svolgere la loro attività anche se in maniera particolare (al momento solo gli agonisti), attraverso allenamenti strutturati in maniera molto ristretta e attraverso numerosi passaggi tra cui prenotazioni di piste, preparazioni quasi individuali“.

Gli impianti nei comprensori sciistici sono dunque chiuse fino al 15 febbraio, questi ultimi dunque possono essere utilizzati, come detto da Dufour, solo da parte di atleti professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (Coni) e/o dalle rispettive federazioni per permettere la preparazione finalizzata allo svolgimento di competizioni sportive nazionali e internazionali o lo svolgimento di tali competizioni, nonché per lo svolgimento delle prove di abilitazione all’esercizio della professione di maestro di sci.

Neve Sci Cai Conegliano 2

Tanta burocrazia e poca essenza sportiva verrebbe da dire, ma il tutto è inevitabile, almeno per il momento, finchè la curva epidemiologica non inizierà a placarsi sperando di non vedere sfumare la stagione invernale, soprattutto in un inverno così ricco di neve come da tempo non si vedeva.

E’ veramente un peccato che molti ragazzi non possano divertirsi in montagna – afferma il numero uno dello Sci Cai Conegliano – Sarebbe stato un inverno bellissimo in termini sportivi per noi come società“.

Ma il collettivo non si perde d’animo e, in attesa di un via libera almeno per gli allenamenti presciistici nelle palestre, si sta organizzando per coinvolgere adulti e bambini nelle attività online.

Appuntamento dunque a febbraio, sperando che possa essere il mese della rinascita non solo per lo sci ma anche per le tutte le attività e società del territorio legate allo sport.

(Fonte: Luca Collatuzzo © Qdpnews.it).
(Video: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it 

Articoli correlati