Imoco inarrestabile anche in terra lombarda: le "pantere" di coach Daniele Santarelli espugnano Busto Arsizio per 3 a 0 in un remake della recente finale di Supercoppa e della finale di Coppa Italia dello scorso febbraio.

Una seconda giornata di campionato che metteva di fronte Imoco e Unet E-Work Busto Arsizio. Dopo il successo nella prima giornata al Palaverde con Casalmaggiore, alla E-Work Arena scende in campo il sestetto vincente con Wolosz-Egonu, Fahr-De Kruijf, Adams-Sylla, libero De Gennaro, risponde coach Fenoglio con Bonelli-Mingardi, Stevanovic-Olivotto, Gennari-Gray, libero Leonardi.

Il primo set inizia con un errore in attacco per le gialloblù, il primo punto è delle bustocche, ma Adams si riscatta subito e pareggia.

L’inizio del parziale è equilibrato, Mingardi ed Egonu si scambiano colpi vincenti (4-4). Il primo break è di Conegliano con le battute velenose di Robin De Kruijf e i punti di Miriam Sylla prima in attacco, poi a muro (5-7). Mingardi e Stevanovic tengono vicina la squadra di casa (8-9), ma la coppia Wolosz-De Kruijf tiene avanti l’Imoco.

L’Unet tiene sulla corda le Pantere che devono giocare al massimo per incrementare il vantaggio: Sylla difende bene, Fahr mura per la seconda volta e Conegliano sale a +3 (12-15). Paola Egonu comincia a martellare sugli assist al bacio di capitan Wolosz (ex di turno), ma Busto combatte su ogni pallone e torna sotto (19-19).

Sylla dà ossigeno alle Pantere con la bomba del +2. Giulia Gennari e Lara Caravello fanno bene nei loro ingressi in seconda linea, le battute della romana creano scompiglio e ancora Sylla (7 punti nel set) ne approfitta per il 19-22. Lo sprint premia le gialloblù, Egonu va a segno (7 punti anche per lei), Fahr mura ancora e spara la veloce per il 21-25 che chiude il set.

Il secondo set parte molto equilibrato l’avvio del secondo parziale (7-7), Bonelli e compagne tengono il ritmo delle Pantere, Mingardi mura il vantaggio (9-8), poi la imita Stevanovic per il +2. La gara si fa molto combattuta, la Unet tiene il minibreak (13-11), ma Conegliano pareggia subito.

8

Qualche errore delle Pantere tiene agganciata Busto, poi Wolosz mura, una Sylla scintillante in tutti i fondamentali colpisce ancora e c’e’ il sorpasso 15-16. Ancora “SuperMiriam” piazza il 16-18, time out di coach Fenoglio che non vuole vedere scappare via le venete. Mingardi risponde di forza, ma la replica è della “solita” Egonu (17-19) per allungare poi 18-23 e chiudere (20-25) con Fahr (5 punti, 11 in totale con 3 muri) ed Egonu (6) sugli scudi.

Nel set finale la squadra lombarda inizia bene, 2-0, ma torna a farsi vedere Mckenzie Adams e il team gialloblù pareggia in un battibaleno. Sale in cattedra ancora Miriam Sylla (13 punti, 2 muri alla fine), suo il pallonetto del 3-5 e Conegliano rimette la testa avanti.

Qualche imperfezione nel gioco delle ospiti favorisce il rientro di Busto che con un break di 5-0 approfitta bene e sorpassa. L’ace di Alessia Gennari per il 5-8 costringe coach Santarelli al time out per ovviare a una serie di sbavature delle sue ragazze.

L’Unet E-Work non ci sta e continua a tenersi avanti (11-8), ma l’Imoco resta viva con il muro di Adams (12-11), poi Fahr (11 punti con il 58%) pareggia e con una splendida diagonale Paola Egonu sorpassa. 

Il testa a testa finale è intensissimo, Mingardi indovina il +1 (23-22), pareggia la “solita” Egonu (11 punti nel set con il 61%, 24 in totale) che poi spara a terra dopo una bella difesa di De Gennaro e Caravello il 23-24. Gennari sbaglia l’ultimo attacco e l’Imoco si aggiudica 23-25 un set complicato ed incamera meritatamente la seconda vittoria da tre punti della stagione.

Sabato prossimo altro big match per le Pantere, alle 20.30 con la Savino del Bene Scandicci in un Palaverde finalmente, anche se parzialmente aperto al pubblico, 700 spettatori, per una sfida che promette un grande quantitativo di emozioni.


(Fonte: Luca Collatuzzo © Qdpnews.it).
(Foto: Imoco Volley).
#Qdpnews.it