Nei giorni scorsi si è tenuta la seconda edizione del Galà “Fighters Before Christmas”, un evento più ricco e appassionante che mai.

Quest’anno, sotto la guida del Maestro Santi Soraci, gli organizzatori hanno dato vita a ben tre eventi:

Si è svolto l`”Oriental Day”, una serie di dimostrazioni di varie discipline quali Flamenko, danza orientale, thai chi, capoeira, kung fu e tango soo do.

Tra gli esperti che si sono esibiti spiccano in particolar modo Silvia “Raja” Ruffin, ballerine e coreografa di fama, ed il maestro Paterniti, uno dei pochi in Italia a poter vantare il riconoscimento ufficiale delle autorità cinesi.

Il pomeriggio ha visto lo svolgimento del torneo Interregionale Csen, hanno partecipato più di 5 regioni e non sono mancate le soddisfazioni tanto per gli atleti più grandi che per i più piccini.

Il pubblico, numeroso, ha avuto occasione di vedere nelle 5 aree di competizione (4 Tatami e un ring) le diverse discipline di combattimento: Boxe Light, Kick Boxing, Light Contact e il tradizionale Karate Point Fighting.

Ma la portata principale della serata è stata senza dubbio il Galà serale. Presentato dalla stella della boxe Sonia De Biase e da Ivan “Power” Brescacin che non hanno mancato di intrattenere e divertire il pubblico oltre che commentare sapientemente i match.

fighters 3

Sono stati disputati ben dieci titoli nazionali, sia del circuito Csen che di quello Wka (World Kickboxing Association).

L’ultimo incontro è quello che più di tutti ha tenuto gli spettatori col fiato sospeso: un titolo mondiale Francia-Italia tra l’ormai celebre Yao Agbetiafa ed il campione francese Mhamdi Hamid.

Gli atleti, preparatissimi e agguerriti, non si sono risparmiati nei tre round, coinvolgendo il pubblico in diversi momenti dove a testimoniare il coinvolgimento è stato un silenzio rotto solo dal rumore dei colpi.

Al termine del match è stato Yao Agbetiafa a portarsi a casa il cinturone Wka di campione mondiale tra gli applausi ed il sostegno del pubblico e i complimenti dell’avversario d’oltralpe.

Gli organizzatori possono dirsi soddisfatti della giornata, riuscire ad organizzare ben tre eventi in un unico giorno non è senz’altro impresa facile e già per il 2020 si prospetta un evento ancora più in grande.

Grazie al sostegno del Comune di Godega di Sant’Urbano, Asd Free Sport and Movement intende ripetere sia il torneo che la serata di Galà, ma in seno ad una vera e propria fiera dell’Oriente con stand enogastromici ed artistico-culturali.

(Fonte e foto: Asd Free Sport and Movement).
#Qdpnews.it