Non aveva potuto essere presente all’ultimo saluto dell'amico Carlo Durante a causa della chiusura del Piemonte legata al Covid-19, così ha deciso di venire da sola direttamente in mountain bike, da Boves, grosso centro del cuneese sino a Montebelluna.

Un viaggio suddiviso in tre tappe, Alessandria-Cremona-Verona, che lei stessa ha voluto titolare “Durante” e questo, in occasione della funzione religiosa fissata per domani, sabato 27 giugno, alle ore 11 in duomo a Montebelluna, in ricordo di Carlo Durante, il pluridecorato maratoneta non vedente di Volpago del Montello scomparso improvvisamente poco tempo fa.

Lei è Agnese Manuela, detta “Manu”, che ha conosciuto Carlo quasi 30 anni fa per essere stata la sua guida in tandem al raid Roma-Salerno. Passione condivisa nel corso degli anni, sino alle ultime maratone disputate da Carlo, prima che optasse per il tandem.

“Mi è sembrato un bel modo per rendere omaggio a un grande atleta e una grande persona” ha tenuto a sottolineare Manu.

Agnese e Carlo si sono ritrovati alle Paraolimpiadi di Atlanta 1996, quando Manu ha vinto la medaglia d’argento guidando Zanotti nei 200 metri sprint su pista (nella foto, con Carlo Durante sullo sfondo), mentre Carlo si era aggiudicato l’argento nella maratona.

Manu è partita all’alba di mercoledì da Boves e arriverà a Montebelluna questo pomeriggio accompagnata da alcuni portacolori del G.S Olang, la società del presidente Angelo Pasqualin, che la raggiungeranno a Bassano per compiere assieme gli ultimi 25 chilometri fino al capoluogo montebellunese.

Per concludere la serata nella sede della prestigiosa società cicloturistica trevigiana, della quale Carlo Durante difendeva i colori, per un incontro ricordo al quale sarà presente il sindaco di Montebelluna, Marzio Favero. E domani mattina, alle 11, Agnese Manuela sarà presente alla funzione religiosa nel duomo di Montebelluna per ricordare l’amico di tante imprese sportive.

 

(Fonte: Giovanni Negro © Qdpnews.it).
(Foto: per gentile concessione di Agnese Manuela).
#Qdpnews.it