Quando arriva il Rally Città di Scorzè per Roberto Scopel e per Ivan Agostinetto, suo compagno di abitacolo, il cronometro diventa totalmente irrilevante.

Un'amicizia, vera, e una passione comune che si fondono, per una volta all'anno, durante il tradizionale appuntamento con le veloci ed insidiose pianure del veneziano e che, oggi come non mai, hanno assunto un significato molto profondo, trattandosi di ripartenza post lockdown.

È ben presto chiaro come il dodicesimo posto finale, in classe R5, valga solo per la cronaca.

Anche quest'anno il pilota di Possagno ha ripreso in mano il quaderno delle note, per sedersi al fianco dell'amico di Valdobbiadene e vivere il Città di Scorzè, giunto quest'anno alla sua diciasettesima edizione, su una Ford Fiesta R5 di Ferrari Motor Team, iscritta da La Superba.

Per chi, come Agostinetto, può salire soltanto una volta all'anno su vetture come queste riuscire ad essere competitivi è un miraggio ma l'avere al proprio fianco l'esperienza di Scopel si dimostra, ad ogni occasione, stimolo per cercare di dare il massimo a propria disposizione.

Ecco come la progressione dell'equipaggio trevigiano è scattata dalla posizione numero ventiquattro, della prima prova speciale, sino a raggiungere la sedicesima finale nell'assoluta.

Per chi, come Ivan, riesce a correre solo una volta all'anno non è semplice - racconta Scopel  - e devo dire che è migliorato molto, di passaggio in passaggio. Un percorso classico, insidioso come sempre, tutto piatto e senza riferimenti. Non una passeggiata per correre con la R5. Scorzè è la nostra gara, mia e di Ivan, dove possiamo unire la nostra bella amicizia alla passione che ci accomuna. È qualcosa di speciale e farlo dopo il lockdown lo è ancora di più. Era la prima volta che ci affidavamo a Ferrari Motor Team, un gran bel gruppo con persone eccezionali".

"Grazie di cuore a Francesco Stefan, patron di Xmotors, e a Paolo Benvenuti, presidente di La Superba - prosegue - Grazie ad Ivan, una persona unica. Sono fiero che sia mio amico. Anche quest'anno mi ha regalato una prova speciale al volante, questa volta l'ultima Noale, ma ho commesso un dritto che ci ha fatto perdere un po' di tempo. Senza quell'errore, probabilmente, ne poteva uscire un discreto risultato. Ci siamo davvero divertiti tanto”.

Gli fa eco Ivan Agostinetto, al termine di un emozionante, seppur torrido, Città di Scorzè.

Gara magnifica come ogni anno - sottolinea Agostinetto - e una gran vettura, non facile da usare. Tutto sommato, ad ogni prova, miglioravamo quindi va benissimo. Peccato per alcuni miei errori di guida ma, correndo poco, ci stanno. Ferrari Motor Team grandioso. Grazie al mio manager, Francesco Stefan di Xmotors, e a Paolo Benvenuti, presidente di La Superba. Mi supportano nella mia passione, condizionata dagli impegni di lavoro, ma quando posso loro ci sono sempre. Infine grazie al mio maestro, Roberto, che mi ha dato molte dritte nella guida”.


(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: Roberto Scopel).
#Qdpnews.it