Da Sernaglia della Battaglia arriva una storia particolare che, in questi tempi difficili, si colloca all'insegnamento della semplicità e dell'umanità.

Parliamo di Francesca Villanova (nella foto), suora laica consacrata che lavora come infermiera alla "Nostra Famiglia" di Conegliano con la passione della corsa. La donna, originaria di Sernaglia, avrebbe dovuto partecipare, in occasione del suo 50esimo compleanno che sarà il prossimo 22 giugno, alla 48esima edizione della 100 km del Passatore annullata a causa del Covid-19.

Come noto la 100 km del Passatore è una competizione podistica di ultramaratona che si svolge annualmente nell'ultimo sabato di maggio con partenza da Firenze e arrivo a Faenza. La gara, che si è svolta per la prima volta nel 1973, è intitolata al Passatore, popolare figura della storia e del folklore romagnolo. 

Sorella Francesca, assieme a tante altre persone che avrebbero dovuto prendere parte all'evento, quindi svolgerà la manifestazione sportiva individualmente, effettuando nel proprio territorio la corsa. La 49enne fa parte, tra l'altro, del Cimavilla Running Team.

f1fb8e7f 0aa2 4308 9e0a ad8deb5c27ab

"La mia corsa - spiega Francesca - si svilupperà nel percorso pianeggiante tra Sernaglia, Villanova e Pieve di Soligo. Partirò alle 4 di domani mattina, sabato 23 maggio 2020, cercando di riuscire a effettuare i 100 km in 20 ore".

Una cifra "mostruosa" a dir poco, ma che non spaventa assolutamente la nostra runner: "Mi sono preparata ad aprile effettuando una cinquantina di chilometri nelle vicinanze de "La Nostra Famiglia" dove lavoro - afferma -. Non ho mai affrontato così tanti chilometri, ce la metterò tutta. La corsa è la mia passione, sarà bello e intrigante".

Una corsa che ha un valore speciale per Francesca, che utilizzerà il suo solito pettorale con su scritti i numeri delle date di nascita dei suoi 3 nipoti (86.02.2020): "Per me questa 100 km ha un valore spirituale. La resistenza, la fatica sono una metafora della vita, una sfida con sè stessi".

"Io correrò anche per chi non può farlo a causa di motivi di salute, per me tutto questo oltre alla passione ha un significato simbolico. Tutto ciò diventa personalmente un approfondimento dal punto di vista spirituale".


(Fonte: Luca Collatuzzo © Qdpnews.it).
(Foto: per gentile concessione di Francesca Villanova).
#Qdpnews.it