Una giornata all'insegna della valorizzazione e della rinascita locale: la carovana rosa del Giro d'Italia è tornata a Valdobbiadene dopo cinque anni dall'ultima Cronometro e l'entusiasmo non è mancato tra la comunità.

Il freddo e l'ombra del Covid non hanno impedito alla popolazione e agli appassionati di partecipare alla manifestazione sportiva, colorando di rosa tutto il paese e in gioiosa attesa dei corridori all'arrivo di piazza Marconi.

Grande festa per il vincitore di giornata: il piemontese Filippo Ganna (nelle foto), fresco campione del mondo a cronometro, ha letteralmente sfrecciato come un Top Gun nella cronometro Patrimonio Unesco. Suo il miglior tempo con 42 minuti e 40 secondi a una media di 47,953 km/h.

Tanta la gente presente ma che si è dimostrata all'altezza dell'evento, come ha dichiarato il sindaco Luciano Fregonese: "I valdobbiadenesi hanno rispettato nel migliore dei modi le normative anti-Covid evitando assembramenti, dando un grande senso di responsabilità".

"Ringrazio i volontari e le Forze dell'ordine per l'impegno che ci hanno messo nell'organizzazione - continua il primo cittadino - in una giornata che è un orgoglio per me e per tutte le attività produttive del Comune".

Una festa "rosa" anche per le frazioni di Guia, Santo Stefano e San Pietro di Barbozza che, anch'esse, hanno tappezzato di rosa il tragitto Unesco.

Valdobbiadene giro italia 2
Un percorso, sviluppatosi per 34,1 chilometri partendo da Conegliano, interessando tutta la "core zone". E dunque una grande occasione di valorizzazione per il territorio: "Sicuramente è un bellissimo spot per le nostre terre, nonostante un periodo non semplice. - sostiene Tommaso Razzolini, consigliere regionale - Per le nostre zone ospitare un evento di questo calibro è un'occasione unica per promuovere il territorio a 360 gradi".

"Valdobbiadene oggi è protagonista, insieme a tutti i Comuni del percorso, per ospitare un evento che ormai è diventato una tradizione dalle nostre parti", prosegue.

L’artista Valentino Moro, a fine giornata, ha avuto l'onore di premiare il vincitore Filippo Ganna con il Trofeo "Città di Valdobbiadene", da lui realizzato, il cui profilo stilizzato di un calice, che accoglie i tralci della vite dominati da un grappolo d’uva, rappresenta l’invito al brindisi, alla gioia e alla celebrazione dell'attesa Tappa di oggi.  

Un premio dal significato simbolico che reincarna la passione e l'amore dei valdobbiadenesi verso il Giro d'Italia.


(Fonte: Luca Collatuzzo © Qdpnews.it).
(Foto e video: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it