La Prosecco Run alza bandiera bianca. L’Asd Treviso Marathon non può far altro che posticipare al 2021 la maratonina che si sarebbe dovuta correre domenica 6 dicembre tra i vigneti e dentro le cantine del Docg Prosecco Superiore di Conegliano e Valdobbiadene.

Lo spettacolo che i partecipanti alla gara internazionale di 21,097 chilometri si sarebbero goduti nelle colline patrimonio dell’Unesco è rimandato dunque al prossimo anno.

Gli organizzatori, le amministrazioni locali, gli enti, le cantine, i partner e i volontari coinvolti ci hanno creduto fino in fondo ma alla fine il verdetto era negativo inevitabile.

Per poter disputare l’11esima edizione della Prosecco Run l’impegno dello staff di Maratona di Treviso, della Asd Treviso Marathon e delle “Lepri Strache di Vidor” è stato notevole, con importante dispendio di energie al fine di organizzare l’evento a prova di normative anti-Covid.

In tanti si erano già iscritti ad uno degli eventi più amati del territorio, che da anni richiama nel trevigiano migliaia e migliaia di appassionati. Ma il traguardo più importante oggi non è quello posto in piazza Capitello a Vidor bensì la salute pubblica. 

2c6ff382 ec3d 4419 8088 380edc20690f

“Abbiamo sperato tutta l’estate, a settembre abbiamo iniziato a crederci veramente, ai primi di ottobre eravamo convinti di farcela ed abbiamo deciso di aprire le iscrizioni. - sottolinea Aldo Zanetti, amministratore unico di Maratona Treviso - Ora, con immenso dispiacere, ma anche con pari senso di responsabilità, di concerto con tutti i soggetti coinvolti e visto l’andamento dell’emergenza sanitaria nel nostro Paese, non possiamo che decidere di posticipare la Prosecco Run al 2021".

"Avevamo anche valutato la possibilità di far transitare gli atleti non dentro le cantine, - spiega - ma all’esterno degli stabili che sono attraversati dalla corsa. In momenti come questi però dobbiamo fare lo sforzo di accantonare, per un po’, le nostre passioni".

"Lo sport ha una valenza fondamentale nella nostra vita, più che per i risultati agonistici, per l’indubbio benessere psicofisico che porta, oltre che per il valore aggiunto in termini di promozione del territorio. - precisa Zanetti - Ma far parte di una comunità significa anche fare un passo indietro e mettersi a disposizione".

"Uscire da questa pandemia sarà la vittoria più bella. - conclude - Non resta che tenere duro, come noi sportivi sappiamo fare, e darci appuntamento a domenica 5 dicembre 2021”.


(Fonte: Luca Collatuzzo © Qdpnews.it).
(Foto: Prosecco Run).
#Qdpnews.it