Da sempre corre, quando può. Giovanni Migliore, corridore di Vittorio Veneto, ha un fisico asciutto, minuto ma capace di coprire i percorsi di tantissime maratone in tutto il globo.

Classe 1935, Giovanni Migliore ancora oggi vorrebbe continuare a correre, ma l'avanzare dell'età e i vari impegni che inevitabilmente riempiono la sua vita glielo impediscono.

"Le maratone per me sono una sfida personale. Ne ho corse tantissime: Italia, Europa, America. Ogni volta uno spettacolo, ogni volta c'è la la possibilità di incontrare nuovi e vecchi amici, di tutte le età e da tutto il mondo".

Giovanni però non è solo un uomo delle grandi maratone, lo si vedeva sempre anche alle marce organizzate sul territorio: "Servivano per tenere la gamba, anche per rilassarmi e scaricare le fatiche della settimana".

Adesso che è nonno quasi a tempo pieno, Giovanni Migliore lo sport lo guarda soprattutto in tv: "Le dirette degli eventi mi incollano sul divano a seguirne gli esiti, anche se vorrei ancora essere li a correre anche io. Vedo tanti buoni atleti, mi ricordo anche certi passaggi di alcune maratone. Una volta prendere un aereo per andare in giro per il mondo a correre era una cosa bellissima: c'era il solito gruppo di amici, la stessa voglia di stare insieme... del resto è quello che accade anche oggi. Vedo tantissimi runners correre ogni giorno a qualunque ora. Non si tratta di "moda", come sostiene qualcuno. Correre fa bene alla mente, al fisico, rilassa".
 
Adesso che arriva il Natale in casa Migliore sarà davvero una doppia festa: oltre alle sorprese sotto l'albero ci saranno anche gli auguri da fare a Giovanni, nato proprio il 24 dicembre.

(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it