Un allenamento collettivo, per aprire la stagione. E poi due gare che rappresentano ormai un classico per tantissimi appassionati di Trail Running. In attesa della Maratonina della Vittoria, in programma il 15 marzo 2020 con un ricco cartellone di eventi collaterali che si svilupperà lungo l’intero weekend, la Scuola di Maratona di Vittorio Veneto ha pianificato tre manifestazioni per promuovere l’attività “fuoristrada” e valorizzare il territorio vittoriese e delle Prealpi Trevigiane.

Primo appuntamento, il FiveRidges Trail, che tornerà il 9 febbraio dopo il successo incontrato nelle precedenti edizioni. Si tratta di un allenamento collettivo che non prevede iscrizioni né classifiche. Si parte e si arriva insieme, dopo aver toccato i cinque colli che fanno da cornice a Vittorio Veneto: il colle di San Paolo, il monte Altare, il colle della Bigontina, il monte Piai e infine il monte Baldo.

Sarà il preludio al primo appuntamento agonistico della stagione, il Trail del Patriarca, in programma il 29 marzo, con partenza da Villa di Cordignano, la tappa inaugurale dell’edizione 2020 del Circuito Trail Prealpi Venete. Un progetto, di cui la Scuola di Maratona è capofila, che si propone di promuovere il turismo sportivo, andando alla scoperta delle bellezze naturali e dei borghi del nostro territorio.

Nel Circuito Trail Prealpi Venete rientra anche il Trail dei Cimbri, manifestazione principe per gli appassionati della disciplina, che quest’anno, dopo ben 16 edizioni della Fregona Trail Fest, si proporrà con un nuovo nome e qualche novità organizzativa ancora in via di definizione. L’occasione per valorizzare luoghi storici e naturalistici di grande pregio. L’appuntamento è per l’11 e 12 luglio, sarà la quinta e penultima tappa dell’edizione 2020 del Circuito Trail Prealpi Venete.

“Il trail running – spiega il presidente della Scuola di Maratona, Ivan Cao - è un modo per allontanarsi dal traffico e dalla frenesia delle città che, come tutte le attività svolte in ambienti naturali, produce effetti benefici riducendo ansia e stress. E’ insomma un investimento in salute e benessere. Con il crescere degli appassionati di questo sport cresce anche l’offerta di manifestazioni, competitive o meno, che consentono di misurarsi con altri atleti, ma soprattutto con se stessi, godendo di panorami mozzafiato e di un ‘terzo tempo’ come si deve. Questo è lo spirito del trail. Un modo per allenarsi e mettersi alla prova, aperto a tutti, in base alle proprie capacità”.

(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: Scuola di Maratona Vittorio Veneto).
#Qdpnews.it