Tarzo, premiate le eccellenze del territorio: sabato scorso la cerimonia. Il sindaco: "Siamo fieri di questi cittadini"

  • Tarzo
  • - 17 Febbraio 2020

Premiate le eccellenze del territorio nel corso di una cerimonia tenutasi lo scorso sabato 15 febbraio, nella sala consiliare del municipio del Comune di Tarzo.

Tre le sezioni previste, ovvero arte e cultura, sociale e volontariato, imprenditoria ed economia. Nel primo caso il riconoscimento è andato a Federico Tommasi, il quale si è distinto nella produzione poetica, già valorizzata dalla critica sia in ambito nazional-europeo che a livello internazionale.

Francesco Introvigne, invece, si è distinto per la "maestria" nello svolgere il proprio ruolo di presidente della sezione Ana di Vittorio Veneto, che l'ha impegnato nell'organizzazione di tre raduni alpini, distinguendosi nell'attività di valorizzazione del territorio e nell'aiuto alle popolazioni terremotate.

I 100 anni di attività dell'albergo ristorante "Ai Pini" di Tarzo, inoltre, sono stati sottolineati nel corso della cerimonia, come l'attenzione del locale ai prodotti tipici e alla cucina del territorio: l'attività è infatti sorta nel 1919, nella casa di caccia seicentesca dei conti Grimani da Venezia.

"È un piacere e onore premiare questi cittadini, - ha commentato il sindaco Vincenzo Sacchet - queste realtà che tengono alto il nome del Comune, della nostra gente. L'intera comunità ne va fiera".

"Anche in Comuni piccoli come il nostro - ha proseguito il primo cittadino - ci sono figure che spiccano e si fanno riconoscere in ambito nazionale".

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Comune di Tarzo).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

Tarzo, “dottor Leo” simbolo dell’importanza degli interventi assistiti con gli animali nella Marca Trevigiana

  • Tarzo
  • - 16 Febbraio 2020

Relazionarsi correttamente con gli animali può essere un balsamo per le ferite del corpo e dell’anima di tante persone.

Storie come quella del “dottor Leo”, uno splendido golden retriever americano di cinque anni, aiutano proprio a comprendere quanto l’animale possa fare per l’essere umano.

Il racconto di come questo cane abbia cambiato la vita di tante persone, insieme a molte altre testimonianze, sono state al centro del seminario “Interventi Assistiti con gli Animali sul Territorio della Marca Trevigiana” che si è svolto ieri, sabato 15 febbraio 2020, nell’auditorium di Banca Prealpi SanBiagio a Tarzo.

L’iniziativa, organizzata dall’Ulss 2 Marca Trevigiana e dall’associazione di mutuo soccorso “Noi x Noi”, è stata possibile grazie al contributo della stessa Banca Prealpi SanBiagio, che ha agito in uno spirito di servizio alla comunità e di promozione della cultura socio-sanitaria sul territorio.

Gli interventi assistiti con gli animali sono processi di relazione tra animale e uomo che hanno come scopo quello di garantire il benessere delle persone prendendosi cura delle stesse, talvolta anche con valenza terapeutica (pet therapy).

Negli anni è cresciuta la consapevolezza degli operatori sull’efficacia di questi interventi che alcuni distretti dell’Ulss 2 Marca Trevigiana, in questo aspetto precursori assoluti, hanno valorizzato con iniziative negli ospedali, nelle strutture per anziani e nelle scuole.

Da cinque anni, per esempio, la pet therapy è presente nell’ospedale Ca’ Foncello di Treviso con i due progetti “Coccole Pelose”, attivo in pediatria, e “TeraPet Intensiva”, iniziativa basata sulla visita al paziente del proprio cane.

Al Ca’ Foncello vengono proposti anche singoli eventi che coinvolgono gli animali in occasione di alcuni momenti di festa come “Natale con i quattro zampe”, “Maschere con i quattro zampe” e “Voliamo Esagerare”.

L’Ulss 2 è presente con la pet therapy anche nelle strutture per anziani come nel distretto Pieve di Soligo, dove da molti anni ci sono dei progetti che coinvolgono i cani, e nel distretto di Treviso, dove sono state avviate delle iniziative in alcune case di riposo e nei centri diurni per la disabilità.

In ambito educativo, invece, le scuole vengono coinvolte con iniziative di “zooantropologia didattica”, educazione, conoscenza e scoperta attraverso la relazione diretta tra il bambino e l’animale nelle scuole per l’infanzia e nelle primarie.

Interessanti le attività con asini e cavalli nelle “fattorie” specializzate dove vengono accompagnati visitatori delle scuole, anziani e disabili per seguire specifici progetti di onoterapia (asino) e riabilitazione equestre.

L’evento ha ottenuto il patrocinio dell’Ordine dei medici veterinari della Provincia di Treviso, del centro servizi casa “Tomitano Boccassin” di Motta di Livenza e dell’Uneba (Unione Nazionale Istituzioni e Iniziative di Assistenza Sociale) Veneto.

(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Video: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

Tarzo, seminario sulla pet therapy: una tecnica comprovata scientificamente per la tutela della salute umana

  • Tarzo
  • - 12 Febbraio 2020

Si svolgerà sabato 15 febbraio, dalle 9 alle 16.30, il seminario “Interventi Assistiti con gli Animali sul Territorio della Marca Trevigiana”. L’evento, organizzato da Ulss 2 Marca trevigiana e dall’Associazione di Mutuo Soccorso Noi x Noi, con il contributo di Banca Prealpi SanBiagio, si terrà presso l’Auditorium della Banca a Tarzo (via La Corona 45).

Gli interventi assistiti con gli animali sono processi di relazione tra animale e uomo finalizzati ad apportare benessere e prendersi cura delle persone cui sono rivolti, talvolta anche con valenza terapeutica (Pet Therapy).

Ad oggi il loro valore scientifico, applicabilità ed efficacia sono ufficialmente riconosciuti in diversi ambiti e si assiste ad una crescente domanda e diffusione della loro realizzazione all’interno di molteplici realtà territoriali.

L’Ulss 2 Marca Trevigiana da anni sostiene e promuove la Pet Therapy in ambito educativo, sanitario e sociale, mettendo a disposizione di cittadini e istituzioni un servizio specializzato che garantisce le corrette modalità di svolgimento degli interventi assistiti con gli animali (IAA), al fine di tutelare la salute delle persone e il benessere dell’animale coinvolto.

I Distretti dell’Ulss 2 sono stati pionieri nell'introdurre, già da una decina d’anni, la 'Pet Therapy' con iniziative in ospedale, nelle strutture per anziani e nelle scuole.

PHOTO 2020 02 12 17 54 29 4

In particolare da cinque anni la Pet Therapy è presente all’Ospedale Ca Foncello, sia in Pediatria che in Terapia Intensiva con i due progetti 'Coccole Pelose', attivo in Pediatria e 'TeraPet Intensiva', un progetto di pet ownership basato sulla visita al paziente del proprio cane.

Al Ca’ Foncello vengono proposti anche singoli eventi coinvolgenti gli animali in occasione di alcuni momenti di festa: 'Natale con i quattro zampe' in Prima Medicina, 'Maschere con i quattro zampe' in Seconda Medicina, 'Voliamo Esagerare', in Medicina Fisica Riabilitativa e in Oasi Pediatrica, per citare solo quelli più recenti.

L’Ulss 2 è presente con la Pet Therapy anche nelle Strutture per Anziani in particolare nel Distretto Pieve di Soligo dove da molti anni ci sono costantemente progetti con il cane, e nel Distretto Treviso, dove sono state avviate iniziative di questo tipo sia in alcune case di riposo sia nei centri diurni per la disabilità.

In ambito educativo, invece, le scuole vengono coinvolte con iniziative di 'Zooantropologia Didattica', educazione, conoscenza e scoperta attraverso la relazione diretta tra il bambino e l’animale (Scuole per l’Infanzia e Primarie): nel 2019 sono stati realizzati progetti a Treviso, Conegliano, Rua di Feletto…

Vengono realizzate, inoltre, attività anche con asini e cavalli, presso ‘fattorie’ specializzate dove vengono maccompagnati gli utenti di diversa provenienza (scuole, anziani delle RA, disabili dei Centri, ecc...) per seguire specifici progetti di ono-terapia (asino) e riabilitazione equestre (cavallo).

Con l’organizzazione di questa giornata si vuole offrire la possibilità a tutta la cittadinanza e ai tecnici del settore di conoscere e capire questa realtà attraverso la presentazione di alcune significative esperienze in atto nel territorio provinciale.

L’evento patrocinato da Ordine Medici Veterinari Provincia di Treviso, Centro Servizi Casa “Tomitano Boccassin” di Motta di Livenza, UNEBA Veneto è organizzato con il contributo di Banca Prealpi SanBiagio, in uno spirito di servizio alla comunità e promozione della cultura socio sanitaria sul territorio: un’occasione importante per approfondire, in maniera solida e strutturata, il valore terapeutico del rapporto tra uomo e animale.


(Fonte: Ulss2 Marca Trevigiana).
(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Tarzo, spettacolo in ricordo della Shoah: raccontata la storia della senatrice Liliana Segre deportata ad Auschwitz

  • Tarzo
  • - 15 Febbraio 2020

La storia della senatrice Liliana Segre, deportata al campo di sterminio di Auschwitz a soli tredici anni e liberata dopo un anno e mezzo di prigionia, è stata la protagonista della mattinata di ieri, venerdì 14 febbraio, all'auditorium di banca Prealpi San Biagio di Tarzo.

"Fino a quando la mia stella brillerà" è il nome dello spettacolo, dall'omonimo romanzo edito da Mondadori e scritto dalla stessa Liliana Segre, insieme a Daniela Palumbo: il viaggio emotivo tra la persecuzione, la deportazione, il trauma di rapporti familiari spezzati, fino alla possibilità di una rinascita, è stato presentato alle classi medie dell'istituto comprensivo di Follina e Tarzo.

A volere questo appuntamento di riflessione è stato il Comune di Cison di Valmarino assieme alle amministrazioni di Tarzo, Revine Lago, Follina e Miane. In questa occasione, l'attrice professionista Margherita Mannino ha messo in scena un monologo, con lo scopo di rendere consapevoli le nuove generazioni di quali colpe si è macchiato l'uomo in passato.

Margherita Mannino è inoltre cantante mezzosoprano e, per la sua attività di attrice dedicata al teatro, ha ricevuto nel 2016 il riconoscimento del premio Amici dello spettacolo.

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Comune di Tarzo).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

Corbanese, rinnovate le cariche della Pro loco: Micaela Campardo è il nuovo presidente

  • Tarzo
  • - 07 Febbraio 2020

Rinnovo delle cariche anche per la Pro loco di Corbanese, frazione del Comune di Tarzo: verso fine gennaio un nuovo direttivo ha eletto Micaela Campardo (nella foto) nuovo presidente del gruppo.

Professione geometra, 42 anni, Micaela Campardo è attualmente impiegata in un'azienda della zona. Con emozione ha ringraziato tutti i consiglieri per la fiducia dimostrata nell'eleggerla all'unanimità e anche le persone esterne al direttivo, le quali si sono congratulate con lei con sincera approvazione.

C’è voglia di rinnovamento nel nuovo direttivo, che si è integrato di persone giovani e ricche di entusiasmo. - ha dichiarato la neoeletta - Avrò sicuramente bisogno di tutto il supporto dei consiglieri e dei volontari che lavorano costantemente durante ogni manifestazione, oltre alla proficua collaborazione con le associazioni vicine, con cui attualmente già collaboriamo".

"L'obiettivo è quello di dare un segnale nuovo, - ha aggiunto Campardo - con l’intenzione di coinvolgere tutte le persone che hanno a cuore il futuro di questa associazione, fondamentale per la vita sociale e di aggregazione a Corbanese”.

Al fianco di Micaela sono stati eletti Mariavittoria Pollesel e Glauco Tomasi come vicepresidenti, mentre il direttivo è composto in totale da 19 membri, che si sono suddivisi cariche e impegni vari.

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Comune di Tarzo).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport