Centri estivi di Trevignano, dal Comune stanziati 68mila euro per ridurre le rette alle famiglie in difficoltà

I costi dei centri estivi sono quasi triplicati, così il comune di Trevignano ha deciso di stanziare 68mila euro (quadruplicando il precedente contributo) per andare incontro alle famiglie, già pesantemente segnate dall’emergenza Covid-19.

Sono aperte le iscrizioni per i bambini e le bambine in età da scuola primaria per i centri estivi che partiranno il 29 giugno e si protrarranno fino al 14 agosto 2020.

I costi del servizio per l’anno 2020, organizzato nel rispetto delle disposizioni contro la diffusione del contagio da Covid-19, sono quasi quadruplicati rispetto al 2019.

Per questo motivo si è reso necessario l’intervento del comune, allo scopo di rendere le quote d’iscrizione più alla portata delle famiglie: lo stanziamento iniziale di 17.500 euro, infatti, è stato portato con variazione urgente di giunta a 68mila euro.

Questa somma permetterà di ridurre di circa un quarto le rette del mese di luglio (periodo in cui le famiglie con entrambi i genitori lavoratori possono ancora contare sul “bonus baby-sitter”) e di circa la metà quelle di agosto (periodo per cui invece il bonus non è previsto).

Nel mese di luglio, dunque, la quota settimanale del tempo pieno sarà di 168,50 euro, mentre quella del tempo parziale sarà di 80 euro. Nel mese di agosto, invece, la quota settimanale del tempo pieno sarà di 112,50 euro, mentre quella del tempo parziale sarà di 60 euro.

Il servizio è stato affidato nel 2019, mediante regolare gara d’appalto per il biennio 2019/2020, alla Cooperativa Fides di Villorba. L’appalto prevede lo svolgimento del servizio in due plessi scolastici: nel plesso di Falzè è previsto il tempo pieno (dalle ore 7.30 alle ore 18), articolato in gruppi di 7 minori ciascuno, per un totale di 7 gruppi. Nel plesso di Musano è previsto invece lo svolgimento del tempo parziale (orario 7.30-12.30 oppure 13.30-18.30 senza il pranzo), anch’esso articolato in gruppi di 7 bambini ciascuno per un totale di 7 gruppi al mattino e 7 al pomeriggio.

Il periodo di svolgimento del servizio va dal 29 giugno al 14 luglio per un totale di sette settimane: cinque per il mese di luglio, due per il mese di agosto. Sono dunque 147 i posti complessivi disponibili per ciascuna settimana di attività.

Novità anche per il trasporto scolastico: la giunta ha infatti deliberato d’urgenza lo stanziamento di 8.529 euro che permetterà di restituire alle famiglie che l’hanno versata la terza rata del trasporto scolastico, servizio di cui ragazze e ragazzi non hanno mai usufruito a causa della chiusura delle scuole nel trimestre marzo-maggio 2020.

 

(Fonte: Flavio Giuliano © Qdpnews.it).
(Foto: web).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport