A Treviso la soluzione è sostenibile: cresce la mobilità pubblica e agile grazie all'alleanza tra Mom e TvBike

  • Treviso
  • - 21 Maggio 2020

Bus e bici alleate per una ripartenza che punti sulla mobilità sostenibile e agile. È questa la nuova proposta, firmata da Mobilità di Marca e BicinCittà.

Da ieri, mercoledì 20 maggio, basterà la tessera abbonato Mom per accedere al servizio di bike sharing cittadino al fine di migliorare l'integrazione tra offerta di servizi pubblici e facilitando ancor di più l'accesso alla mobilità intelligente.

Per il periodo lancio i clienti Mom titolari di abbonamento potranno, inoltre, usufruire di un mese di utilizzo totalmente gratuito del servizio bike sharing nella città di Treviso fino al 30 giugno 2020.

La bicicletta è la soluzione ottimale per gli spostamenti urbani di medio e breve raggio, grazie a mezzi che garantiscono il mantenimento della distanza sociale, non inquinano, permettono spostamenti rapidi e non necessitano di ricerca di parcheggio. Senza dimenticare che pedalare fa bene alla salute.

tvb1 copy

Perfetta, quindi, la combinazione bus+bike per gli spostamenti quotidiani dei pendolari che arrivano con i servizi MOM in centro città, dalla periferia e dai centri extraurbani, garantendo il massimo risultato in termini di tempo, economicità e praticità. Una integrazione che si rivela la migliore alternativa agli spostamenti in auto privata.

Le 31 stazioni TvBike presenti a Treviso, attive 24 ore su 24, garantiscono un'ampia disponibilità di mezzi in ogni parte della città con postazioni in punti strategici dove sono presenti anche le fermate dei servizi Mom.

Gli abbonati Mom potranno accedere ai servizi con pochi e semplici passaggi: basterà registrarsi su www.tvbiketreviso.it e inviare un'email a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it., indicando nome e cognome e allegando una foto o scansione fronte/retro della tessera di abbonamento Mom in corso di validità.

Entro 48 ore si riceverà la conferma dell'attivazione dell'abbonamento gratuito al servizio BicinCittà, al termine del quale si potrà liberamente decidere se rinnovarlo. Per accedere all'utilizzo delle biciclette TVBike basterà utilizzare la tessera abbonato Mom che consentirà l’automatico check-in della bicicletta.

 

(Fonte e foto: ZetaGroup).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

L'unica app in Italia per prenotare gli accessi a cancellerie e uffici: l'innovazione del tribunale di Treviso

  • Treviso
  • - 21 Maggio 2020

Prenotare gli accessi a cancellerie e uffici giudiziari con un’applicazione. È quello che sarà possibile fare, a partire dal 25 maggio, in tribunale a Treviso grazie al progetto Stc (Sistema telematico di collegamento) realizzato dal gruppo Edicom, per superare i disagi provocati dall’emergenza Covid-19 e garantire l’accesso ad avvocati, impiegati e cittadini.

L’applicazione digitale dovrebbe consentire di superare i disagi che la necessaria riorganizzazione dei servizi causata dalla pandemia ha provocato in queste settimane, con accessi scaglionati e divieto di assembramenti.

Il problema principale era la difficoltà di mettere in collegamento le prenotazioni di accesso ai vari uffici che costringevano gli utenti a tornare in tribunale più volte, non solo in vari orari ma anche in giorni diversi, con tempi di attesa che, inevitabilmente, si allungavano.

Abbiamo ideato un sistema per mettere in rete le prenotazioni, per organizzarle e ottimizzare gli ingressi e il lavoro di tutti - spiega il presidente del tribunale Antonello Maria Fabbro -. L’idea è nostra e il gruppo Edicom ci ha aiutato a realizzarla. Credo sia un caso unico in Italia e infatti abbiamo già avuto l’interessamento da parte di altri uffici nel distretto della corte d’appello di Venezia”.

Grazie all’applicazione saranno acquisite telematicamente tutte le varie richieste di accesso ai molteplici servizi dell’ufficio, disciplinando in giorni e orari scaglionati gli accessi fisici al tribunale.

Il sistema è adattabile a qualsiasi ufficio e, attraverso una sorta di “calendario digitale”, fissa gli appuntamenti tenendo conto delle prenotazioni ai vari uffici.

Il sistema inoltre propone all’utente giorni e orari che possono essere più indicati per svolgere le operazioni richieste, proponendo soluzioni che si potranno scegliere facilmente con un colpo di click.

L’applicazione sarà facilmente scaricabile dal sito del tribunale a partire da lunedì. A conferma della prenotazione avvenuta, all’utente arriverà una mail che dovrà essere esibita all’ingresso e varrà come pass, agevolando e accelerando così anche le operazioni di controllo per accedere al tribunale.

L’app è stata presentata all’ordine degli avvocati che però, per ora, è scettico: “È difficile dare una valutazione a priori - commenta il presidente Massimo Sonego -. Se per quanto riguarda il civile il problema potrebbe essere relativo visto che è operativo il processo telematico, il discorso è diverso per il penale. Per com’è strutturato il sistema non so come sarà possibile ottimizzare i tempi. Mi lascia perplesso poi, il fatto che resta esclusa la procura, sarebbe stato più utile forse l’adozione di un sistema unitario”.

 

(Fonte: redazione Qdpnews.it).
(Foto: web).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Doppio successo per tre pazienti del Ca' Foncello: operati di tumore e guariti dal Covid, i rischi erano elevatissimi

  • Treviso
  • - 20 Maggio 2020

Durante l’emergenza non è mai cessata l’attività chirurgica non procrastinabile per i pazienti oncologici: “Tra i casi più complessi sui quali abbiamo dovuto necessariamente intervenire, in urgenza - sottolinea il primario Giacomo Zanus - vanno sottolineati tre pazienti gravi, risultati anche positivi al Covid-19. L'unica opzione terapeutica, costituita dalla chirurgia, poteva essere vanificata dal Coronavirus. I casi di pazienti Covid operati con successo sono limitatissimi e con prognosi spesso infauste. Noi abbiamo deciso di scegliere comunque un approccio chirurgico garantendo ai pazienti il miglior trattamento antivirale disponibile. Tutti hanno vinto la malattia tumorale sconfiggendo anche il Coronavirus".

I tre pazienti operati sono stati gestiti in un'apposita ala separata e isolata grazie all'impegno del personale medico ed infermieristico dedicato, nel totale rispetto delle norme di protezione individuale.

Il decorso post-operatorio si è svolto in modo assolutamente regolare: "I tre pazienti oncologici operatori con successo e guariti dal Covid - commenta il direttore generale, Francesco Benazzi - rappresentano un risultato di grande rilievo clinico e terapeutico, merito del lavoro di squadra del Ca’ Foncello, che ha continuato a dedicare grande attenzione ai pazienti oncologici anche nel periodo di massimo impegno per il Covid. Essere riusciti a garantire l’intervento a questi pazienti è segno di una capacità organizzativa di prim'ordine delle varie équipe, cui va il mio più sentito ringraziamento".

"Lasciatemi dire - conclude - che la risposta all’emergenza dei nostri ospedali, così come dei servizi territoriali, e questi tre casi lo confermano, è stata una grande dimostrazione di professionalità, di competenza, validità tecnologica, spirito collaborativo e solidarietà umana".

 

(Fonte e foto: Ulss2 Marca Trevigiana).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Savno, pronto il piano di sostegno da 1 milione di euro per le imprese: "Siamo dalla parte delle aziende"

  • Treviso
  • - 20 Maggio 2020

Subito un aiuto finanziario concreto a tutte le attività, con una riduzione, al momento dell’emissione della fattura di acconto 2020, sia della parte fissa che di quella variabile della tariffa dei rifiuti, che verrà poi confermata o rettificata in sede di consuntivo.

È quanto è stato definito nel corso del primo incontro tra Savno/Cit /Consiglio di Bacino Sinistra Piave, rappresentanti di Associazioni di Categoria e Sindacati, dopo l’annuncio della società di voler stanziare 1 milione di euro in favore delle aziende costrette a sospendere la propria attività per covid-19.

Le parti hanno ritenuto prioritario adottare subito le misure utili a favorire la ripresa economica di tutte le attività produttive e commerciali, indistintamente dal fatto che siano state soggette o meno a chiusura, attraverso il contenimento delle uscite finanziarie nel breve periodo.

Un’iniziativa che si concretizzerà attraverso l’emissione di una fattura di acconto 2020 che conteggerà nella parte fissa 8 mesi anziché i consueti 10, e nella parte variabile l’addebito del 50% degli svuotamenti registrati nel corso dell’anno 2019.

In sede di consuntivo 2020, che verrà emesso dai primi mesi del 2021, per chi risulterà avere effettivamente diritto alla riduzione si confermerà l’agevolazione ex Covid-19 con il pagamento di 10 mensilità su 12; per chi non ne avrà diritto la fatturazione seguirà la normale applicazione con il calcolo delle 12 mensilità e degli svuotamenti effettuati.

Nelle prossime settimane verranno calendarizzati i tavoli tecnici tra Associazioni, Savno e Sindacati che serviranno a definire nel dettaglio i requisiti necessari e le modalità per richiedere le agevolazioni da parte delle aziende. Intanto la società di raccolta è già al lavoro per la predisposizione delle nuove fatture.

“L’accordo siglato con le parti sociali e il tessuto economico della Sinistra Piave costituisce un punto di partenza ed è coerente con la nostra visione d’impresa -sottolineano i presidenti di Cit/Savno e Consiglio di Bacino Sinistra Piave - Siamo dalla parte delle aziende e il rapporto con le associazioni di categoria e sindacati è fondamentale e ci aiuta ad avere una visione più organica di quelle che sono le reali necessità del tessuto produttivo”.

“E’ indubbio che la ripresa sarà inevitabilmente difficile, graduale e che le conseguenze negative si protrarranno per lungo tempo anche dopo le riaperture di maggio e, forse per l’intero anno in corso - commentano le Associazioni di categoria - In questa situazione di assenza o riduzione delle attività, si sono ridotte anche le quantità di rifiuti conferite, e così sarà probabilmente anche nei prossimi mesi. Pertanto non possiamo che apprezzare questa decisione di Savno, che ci auguriamo possa esse presa come esempio anche da altre società che si occupano della gestione di servizi ambientali”.

“Accanto a questa iniziativa ricordiamo che esiste anche un accordo con Savno in favore dei cittadini - concludono unitariamente i sindacati - che permette agevolazioni in bolletta per le utenze più deboli. Savno è sempre stata molto sensibile e attenta ai bisogni del territorio e per questo, anche in considerazione dei lavoratori trovatisi in difficoltà economiche a causa del covid-19, abbiamo chiesto all’Azienda di verificare, nell’arco del 2020, la possibilità di elevare la soglia Isee da 13 a 15mila euro”.


(Fonte: Savno).
(Foto: web).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

Sostegno a famiglie e minori, Brescacin: "Approvata legge che offre ai genitori aiuti concreti per crescere i figli"

  • Treviso
  • - 20 Maggio 2020

"In questi due lunghi mesi di lockdown le famiglie si sono rivelate ancora di più centro fondamentale della nostra società: con le scuole chiuse, i genitori hanno dovuto fare sacrifici enormi per il bene dei propri figli, dedicando loro tempo, energie e denaro. In un momento come questo, quindi, l’approvazione della nuova legge per la famiglia, varata oggi dal Consiglio regionale del Veneto, assume un valore ancora più importante: la famiglia sarà accompagnata in ogni passo e ai genitori verrà offerto aiuto economico e pratico, con servizi idonei che li aiuteranno nella gestione del loro piccolo mondo. Una scelta che guarda lontano, pensa alle generazioni che verranno, cambiando il presente, e che ci riempie di gioia e orgoglio".

Sonia Brescacin (nella foto) consigliere regionale del gruppo Zaia Presidente, commenta così l’approvazione della nuova legge sulla famiglia, “Norme a sostegno della natalità e della cura dei minori”.

"La nuova legge tiene conto delle caratteristiche della popolazione veneta, con i continui cambiamenti sociali - continua il consigliere -. Coinvolge le istituzioni politiche, gli amministratori, le associazioni sociali, creando una vera rete di sostegno per le famiglie che, così, non verranno mai lasciate sole ad affrontare le difficoltà. I bambini vengono seguiti passo passo, da prima ancora della nascita: è infatti istituito un assegno prenatale per fronteggiare i costi legati alla gravidanza e ai primi mesi di vita.".

"Viene inoltre avviato in forma sperimentale, il progetto “Nidi Gratis”, per azzerare le rette di frequenza - spiega - Tra le molte novità, vengono individuate apposite premialità nei bandi per l’assegnazione di contributi a favore di progetti per la conciliazione lavoro-famiglia. Sono inoltre istituiti fondi per i minori orfani di uno o entrambi i genitori, così come per famiglie monoparentali o con genitori separati o divorziati in difficoltà economica, e per i Comuni che attiveranno progetti verso le famiglie con parti trigemellari o con più di 4 figli".

"La legge prevede anche la creazione di sportelli per la famiglia, che aiuteranno i genitori a conoscere e capire le norme e i provvedimenti nazionali, regionali e locali in materia di politiche familiari e di accesso ai servizi - sottolinea Brescacin -. Una guida, insomma, per districarsi nel groviglio burocratico e poterne ricevere l’aiuto migliore".

"Misure pratiche, quindi, che insieme alle varie iniziative adottate negli ultimi mesi dalla Regione del Veneto, come lo stanziamento di ulteriori 1,5 milioni per i “buoni scuola” e di 4,5 milioni per le scuole materne, deciso con l’ultima variazione di bilancio in occasione dell’emergenza sanitaria del Covid-19, confermano l’attenzione di questa amministrazione per le fasce più deboli e più bisognose di aiuto della nostra popolazione" - conclude.


(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport