Valdobbiadene, chiusa via Zocchi per muro pericolante. Fregonese: “Segnalato più volte, non sono stato ascoltato”

Grande l’amarezza del sindaco di Valdobbiadene, Luciano Fregonese, per un problema che aveva segnalato da tempo ma che mai nessuno aveva preso seriamente in considerazione: la pericolosità del muro di via Zocchi.

Dopo il peggioramento della situazione, si è corsi ai ripari con l’ordinanza numero 8 del 24 gennaio 2020 che ha previsto la limitazione della circolazione in via Zocchi a Valdobbiadene per consentire i lavori di messa in sicurezza del muro di contenimento prospiciente la sede stradale.

A richiedere l’ordinanza, si legge nel documento, l’Ulss 2 Marca Trevigiana.

FOTO MURO 4


“Venerdì - spiega amareggiato Luciano Fregonese, sindaco di Valdobbiadene - è arrivata in Comune una non ben definita mail dell’Ulss che segnalava la pericolosità di alcune pietre del muro lungo via Zocchi. L’ufficio tecnico, quindi, ha deciso per l’ordinanza di chiusura di un tratto di strada. Va detto che, in più di un’occasione, ho segnalato la pericolosità di quel muro e di altri tratti di muro lungo via Zocchi e via Roma, senza avere riscontro, come peraltro la pericolosità della vegetazione perimetrale di una parte del parco”.

“Pertanto - aggiunge il primo cittadino di Valdobbiadene - lunedì saranno prescritti all’Ulss tutti quei lavori già più volte segnalati. Al di là della necessità di mettere in sicurezza il muro e la recinzione di una parte del parco, è importante riaprire via Zocchi quanto prima. Per questo saranno prescritti anche i tempi di intervento”.

FOTO MURO 6

“Esprimo rammarico - conclude Fregonese - per non essere stato ascoltato le volte in cui negli scorsi anni ho più volte segnalato la necessità di intervenire. Se avessi avuto ascolto, certamente non si sarebbe dovuta chiudere via Zocchi e, probabilmente, si sarebbero potuti eseguire interventi più semplici di quelli che saremo costretti ad effettuare ora”.

Anche altri valdobbiadenesi avevano segnalato più volte la pericolosità di quel muro e per molti è davvero una fortuna che non sia successo nulla.



(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: per gentile concessione di una lettrice).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport