In biblioteca a Vazzola la macchina da scrivere dello storico direttore del Gazzettino, Giorgio Lago

  • Vazzola
  • - 23 Gennaio 2020

La famosa macchina da scrivere, la lettera 35 di Olivetti, progettata da Mario Bellini nel 1972 compie 48 anni ed è esposta nella biblioteca di Vazzola. L'oggetto storicamente ha avuto un grande successo tra giornalisti e scrittori.

Anche Giorgio Lago, giornalista nato il 1 settembre 1937 a Vazzola, ha utilizzato questa macchina, un oggetto dal peso molto ridotto circa 5,5 chili, arrivando a 7,1 con la custodia originale in plastica.

Giorgio Lago fu direttore del Gazzettino per 12 anni oltre ad essere stato inviato speciale a 5 mondiali di Calcio e a 4 giochi olimpici e divenne un punto di riferimento per il giornalismo del nord-est.

“Mio padre cambiò circa 10 macchine da scrivere, - afferma Francesco Lago Chiavacci, figlio dello storico giornalista - nella sua vita ha sempre preferito questo tipo di scrittura ai computer, solo negli ultimi 3 anni di carriera si è convertito al digitale”.

Nel 2017 la Biblioteca Comunale e l’auditorium di Vazzola si trasferiscono nella nuova sede di via Nardi e furono intitolati proprio a Giorgio Lago.

Abbiamo voluto intitolargli questa struttura - spiega l’ex Sindaco di Vazzola ora consigliere di minoranza Pierina Cescon - , per ricordare le sue origini e per sottolineare il legame del giornalista con il nostro territorio comunale”.

Oltre alla famosa macchina da scrivere all’interno della biblioteca, i familiari hanno donato quasi un migliaio di scritti di lago che testimoniano la vastità e la attualità degli studi del giornalista.

“Giorgio Lago - conclude il figlio, - nella sua vita ha girato per tutta l’italia e ha vissuto principalmente a Castelfranco ma ha sempre avuto un legame importante con il suo paese Natale per questo abbiamo deciso di mettere a disposizione di tutti all’interno della Biblioteca comunale le sue opere”.

Proprio in questi giorni l’associazione “Amici di Giorgio Lago” dopo 3 anni di pausa ha indetto il Premio Giorgio Lago juniores, un contest indirizzato alle classi quinte dei Licei del nord est.

La premiazione avverrà nel mese di maggio a Castelfranco e i primi tre classificati riceveranno una borsa di studio per sostenere i corsi universitari.

(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

L’Accademia italiana della Vite e del Vino nomina Roberto Castagner “Accademico Ordinario”

  • Vazzola
  • - 16 Dicembre 2019

"Un riconoscimento dovuto per un innovatore come Roberto Castagner che, come pochi altri, ha saputo trasformare la Grappa in un simbolo dell'eccellenza del Made in Italy".

Con queste parole ieri sera, presso la distilleria Castagner di Visnà di Vazzola, il professor Antonio Calò, presidente dell'accademia italiana della vite e del vino, ha conferito al distillatore trevigiano il titolo di accademico ordinario, facendolo quindi entrare nella ristretta cerchia dei membri del corpo accademico.

"Ringrazio il presidente e gli accademici presenti per avermi conferito questo titolo - ha dichiarato Roberto Castagner - per me è il riconoscimento all'impegno che ogni giorno dedico alla grappa, il distillato italiano per definizione, vero simbolo della nostra capacità di trasformare una materia povera, come la vinaccia, in un prodotto che oggi è finalmente conosciuto e apprezzato nel mondo".


(Fonte e foto: Zetagroup).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Vazzola, incidente in mattinata lungo via Battisti: un'auto nel fossato e due feriti lievi

  • Vazzola
  • - 17 Novembre 2019

Incidente stradale poco dopo le 10, stamattina, domenica 17 novembre a Vazzola lungo via Cesare Battisti.

Coinvolte due auto, di cui una caduta nel fossato vicino alla carreggiata. La persona a bordo della vettura caduta è rimasta incastrata ed è stata tempestivamente estratta dalle lamiere tramite l'autogrù dei vigili del fuoco di Treviso, giunti sul posto assieme a quelli di Motta di Livenza. Le dinamiche dell'incidente non sono ancora chiare.

incidente vazzola 2

Soccorsi dagli operatori del suem, giunti anch'essi sul posto, i due piloti sono stati trasportati all'ospedale di Conegliano, rispettivamente in codice 1 e codice 2, per accertamenti: le condizioni di entrambi non sono gravi.

Nel luogo dell'incidente sono arrivati anche i carabinieri per i rilievi e la polizia locale per la gestione del traffico a senso unico alternato. 

(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: Vigili del Fuoco).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Vazzola, consiglio comunale speciale per le borse di studio agli studenti più bravi e il saluto ai neo diciottenni

  • Vazzola
  • - 01 Dicembre 2019

Riconoscimenti agli studenti del Comune più bravi, e il saluto di accoglienza nella comunità ai neo diciottenni: per questo la nuova amministrazione comunale con l'assessore dell’Istruzione e Politiche Giovanile Elisabetta Vazzoleretto, hanno pensato lo scorso venerdì 22 novembre ha pensato ad un appuntamento particolare e dedicato.

"Abbiamo organizzato un “Consiglio Comunale Speciale” per condividere con la comunità due eventi - conferma l'assessore Vazzoleretto - come la consegna delle Borse di studio ai ragazzi delle scuole superiori di I. e II. grado che hanno raggiunto il massimo dei voti e l’accoglienza quale cittadinanza attiva dei ragazzi che nel 2019 hanno compiuto 18 anni. Bisogna in particolare dare risalto alla bravura dei nostri ragazzi e riconoscere loro i sacrifici e sforzi fatti". In 21 neo diciottenni hanno risposto alla chiamata del comune e ricevuto in dono la Costituzione, per poi festeggiare insieme la raggiunta maggiore età.

Ecco i nomi dei ragazzi premiati: per gli istituti secondari di II° grado Anna Brugnera con la votazione di 100/100 all'Istituto superiore Da Collo di Conegliano; per l’istituto secondario di I° grado dell' Istituto comprensivo di Vazzola Matte Cadamuro e Filippo Zanella con 10 con lode,  Veronica Maria Mazzolin e Federica Miotto con la votazione di 10.

(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

 

Print Friendly, PDF & Email

Vazzola, fuga di monossido da una stufa a pellet del bar, in tre all'ospedale ma tutto si risolve per il meglio

  • Vazzola
  • - 16 Novembre 2019

Quando davanti ad un locale pubblico di Visnà ieri sono piombate quattro ambulanze, vigili del fuoco pattuglia dei carabinieri in molti si sono preoccupati nel paese, chiedendosi il perchè di tanto spiegamento.

E’ successo ieri mattina poco dopo le 8. In realtà alla fine tutto si è risolto per il meglio e senza conseguenze, ma per precauzione a causa di intossicazione da monossido o altro gas, due persone sono state portate in camera iperbarica e una terza sottoposta a ossigenoterapia, finchè tutti si sono ripresi.

Altre quattro persone sono state controllate e rimandate a casa perché non lamentavano sintomi simili.

Lo riporta una nota del Suem Veneto, asserendo che è stata rilevata la presenza del gas dai rilevatori che indossano sempre gli infermieri. Le persone interessate non si erano accorte di nulla se non per i malesseri.

Che non ci sia stato nulla di preoccupante (perchè presi per tempo) lo ha riferito anche il sindaco Giovanni Zanon, messo al corrente del fatto e passato questa mattina per capire la situazione.

Pare che il gas, secondo i primi rilievi effettuati anche dai carabinieri, sia sprigionato da una stufa a pellet, che il titolare del loclae era convinto di avere spento, mentre i pellets hanno continuato a bruciare dentro, e quindi hanno prodotto il monossido.

(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero interessare

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.