Assindustria Venetocentro inaugura la prima biblioteca d’impresa a Treviso: un riferimento per gli studi d'impresa

Un nuovo, inedito, spazio culturale apre a Treviso. È la Biblioteca d’Impresa di Assindustria Venetocentro, che sabato 30 novembre sarà ufficialmente inaugurata a Palazzo Giacomelli alle 16.30, alla presenza di Maria Cristina Piovesana, presidente di Assindustria Veneto e dell’assessore alla cultura della Regione Veneto, Cristiano Corazzari.

Seguirà lo spettacolo ‘Il dolce rumore dell’impresa’ di Giancarlo Marinelli, attore, regista, drammaturgo, direttore del teatro olimpico di Vicenza.

È un centro di documentazione specializzato, il primo in Veneto al di fuori dei circuiti accademici, aperto a cittadini e studiosi. Un luogo di documentazione e insieme ‘identitario’ per una comunità che a Nord Est condivide storia, valori e persone con le sue imprese.

Negli spazi rinnovati dello storico Palazzo Giacomelli di Treviso sono attualmente disponibili 2.500 volumi, con il contributo delle imprese e dell’archivio dell’associazione, tutti catalogati e inseriti nel polo bibliotecario veneto.

Opere spesso rare, come le storie di imprese e imprenditori realizzate in occasione di anniversari, studi sull’economia locale, tesi di laurea e dottorato dedicate alle imprese e all’economia del territorio, studi e pubblicazioni prodotte dalle associazioni.

"Ci auguriamo - spiega la presidente Maria Cristina Piovesana - che la biblioteca d’Impresa di Assindustria Venetocentro a Treviso diventi un riferimento per gli studi sull’impresa a Nord Est e per conoscere le storie dei nostri imprenditori, a partire da quella generazione che ha promosso il decollo economico del nostro territorio. È un valore collettivo che vogliamo preservare e proporre all’attenzione anche delle nuove generazioni. La biblioteca d’impresa nasce per raccontare e diffondere le storie di uomini e donne che hanno saputo costruire quella speciale comunità chiamata impresa".

Per l’assessore Cristiano Corazzari: "La biblioteca d’Impresa con i suoi 2.500 volumi è un patrimonio con un valore storico di grande importanza che si aggiunge ai 2.475.890 titoli, corrispondenti a 5.544.493 risorse di varie tipologie, già presenti nel polo bibliotecario Veneto. Le opere della Biblioteca d'Impresa, ora a disposizione in modo organizzato, rappresentano le radici e l’identità del nostro territorio e, sono certo, che saranno anche una risorsa utile alle nuove generazioni per capire e riflettere su nuovi modelli imprenditoriali".


(Fonte e foto: Assindustria Venetocentro).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.