Il Veneto affronta il tema delle possibili riaperture. Entro domenica saranno vaccinati tutti gli over 80

Nella conferenza stampa di oggi, il presidente Luca Zaia ha annunciato che questa settimana il Veneto chiuderà la vaccinazione per gli over 80 (almeno la prima dose), sperando di vaccinare anche le persone che si trovano a letto nelle loro case (100 mila persone in totale): dei 358.540 ultraottantenni, ne restano da vaccinare 56.115.

Domani mattina, alle ore 11, i direttori generali delle Ulss del Veneto faranno una conferenza stampa per annunciare le scelte che hanno adottato per chiudere le vaccinazioni per gli ultraottantenni (accessi rapidi il fine settimana, accessi diretti o altre modalità).

Poi il Veneto passerà agli ultrasettantenni (delle 494.443 persone ne mancano 293.370, il 57%), 70-79 anni, per chiudere gli over 60 entro l’estate.

Domani verranno date anche delle informazioni rispetto agli accompagnatori per gli over 70, ai disabili e ai fragili in generale.

Mentre si pensa al tema delle riaperture, da fare in modo graduale e con responsabilità, il presidente Zaia ha ribadito che è opportuno iniziare una fase di convivenza con il virus.

La dottoressa Francesca Russo e l’assessore alla salute della Regione Veneto, Manuela Lanzarin, stanno seguendo la vicenda delle linee guida per la riapertura e in settimana verrà chiusa anche questa partita.

Zaia ha detto di sperare che il governo, attraverso il Comitato tecnico scientifico e le realtà più autorevoli a loro disposizione, si esprima sulle riaperture.

Il governatore si è rivolto anche alle amministrazioni comunali, facendo un appello ai sindaci del Veneto affinché diano una mano ai ristoratori, anche dal punto vista burocratico, per agevolare l’utilizzo degli spazi all’aperto per i bar e i ristoranti

Il presidente Zaia ha detto che i ristoratori non sono da considerare solamente per la dimensione economica, perché rappresentano una dimensione identitaria, storica e culturale del Veneto.

La promozione turistica del territorio, inoltre, per il governatore passa anche attraverso i ristoranti e la valorizzazione del patrimonio culinario del Veneto.

Continua a calare la curva del Covid in Veneto, anche nelle terapie intensive, ma la stessa cosa non avviene in altre Regioni italiane.

Questi i dati di oggi, martedì 13 aprile 2021, sull’emergenza Coronavirus nella Regione Veneto: 4.747.307 tamponi molecolari, 4.054.960 test rapidi, 35.791 tamponi nelle ultime 24 ore, 883 positivi intercettati nelle ultime 24 ore, 396.677 positivi intercettati in Veneto dall’inizio dell’emergenza sanitaria, 30.559 positivi in questo momento, 2.076 ricoverati totali per Covid (46 in meno di ieri) di cui 285 terapie intensive Covid (16 in meno di ieri) e 1.791 ricoverati in area non critica (30 in meno di ieri), 274 pazienti non Covid in terapia intensiva, 10.994 morti in totale (42 morti in più di ieri) e 19.129 pazienti dimessi dagli ospedali.

La percentuale dei positivi al Covid sui tamponi effettuati è del 2,47%.

(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Total
2
Shares
Articoli correlati