Il Veneto attende la svolta: annunciata dal ministro Gelmini la legge quadro sull’autonomia. Zaia: “Siamo pronti ad affrontare questa sfida”

Il ministro Mariastella Gelmini ha annunciato la legge quadro sull’autonomia: lo ha comunicato poco fa il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, in una nota social.

“Durante il question time alla Camera di oggi (mercoledì) – commenta il governatore del Veneto -, il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Mariastella Gelmini ha comunicato che il ddl sull’Autonomia è pronto ed è suo intendimento portarlo quanto prima all’esame del Consiglio dei Ministri. Noi siamo della partita e siamo assolutamente pronti ad affrontare questa sfida. Come Regione abbiamo svolto tutta l’attività, siamo convinti che sia stato fatto un buon lavoro, abbiamo saputo anche rispondere a quelle perplessità che possono naturalmente venire ai cittadini che non fanno parte di questo progetto, fermi restando che non stiamo parlando di un atto sovversivo ma semplicemente dell’applicazione degli articoli della Costituzione”.

Spero vivamente che il governo adotti la legge quadro – conclude -, dando per scontato che il testo finale sia espressione delle istanze che come Regione abbiamo presentato, e che il Parlamento veda in questa adozione della legge quadro una grande svolta per il Paese in termini di modernità”.

Zaia ha pronunciato queste parole dopo la dura presa di posizione successiva all’incontro di alcuni presidenti di regione con il ministro e l’impegno della Regione Veneto ad essere pronta a sottoscrivere la legge quadro sull’autonomia, che per il presidente aveva bisogno solo di alcuni piccoli aggiustamenti.

Il governatore del Veneto aveva chiesto al Governo di portare la legge quadro in Consiglio dei Ministri per poi mandarla in Parlamento. Inoltre, aveva definito “inaccettabili” le dichiarazioni fatte da chi aveva parlato di “secessione dei ricchi”, o di provvedimento “che affamerà qualcuno in giro per l’Italia”.

“Vorrei ricordare a tutti – aveva evidenziato -, anche a chi si fosse perso qualche episodio di tutta questa vicenda, che stiamo parlando di competenze gestite dallo Stato, che eventualmente verrebbero trasferite alla singola regione, e parallelamente bisogna dare i soldi per gestire quella competenza”.

(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Total
17
Shares
Articoli correlati