Vidor, al via la pesca missionaria di San Giuseppe: sarà aperta fino al 24 marzo

Da oltre cinquant'anni a Vidor viene organizzata dal gruppo parrocchiale, composto da circa 20 persone, la tradizionale pesca di beneficenza pro missioni in occasione della sagra di San Giuseppe. La lotteria ha preso il via ieri, domenica 10 marzo, e rimarrà aperta fino a domenica 24 marzo, compresi il giorno del santo Patrono, i sabati e le domeniche.

Il lavoro delle signore del Gruppo missionario di Vidor è molto impegnativo. Alcune si recano per mesi e mesi in particolari negozi per trovare premi adatti e convenienti per far sì che la pesca sia apprezzata da tutti, specie dai numerosi visitatori che provengono da fuori paese per la sagra. La maggior parte consiste in generi alimentari, ma si possono trovare anche televisori, biciclette, forni a microonde, numerosi e grandi cesti confezionati con bottiglie e prodotti tipici, centri e tovaglie ricamate a mano.

Vidor pesca beneficenza
Molti sono i pomeriggi trascorsi dal gruppo organizzatore per riordinare i premi e tante sono le serate per arrotolare i biglietti in compagnia, unendo spesso anche momenti di preghiera per le necessità della comunità.
Nonostante il passare degli anni lo spirito che guida i volontari li sprona sempre a continuare poiché il ricavato viene con gioia inviato ai missionari di loro conoscenza in Africa, Brasile, Filippine e Albania.

Anche padre Walter Vidori dell'istituto religioso comboniano, nato a Vidor, ora missionario in Uganda con il quale il gruppo è sempre in contatto ogni anno manda la benedizione per questa bella iniziativa: "Carissime amiche e amici del gruppo missionario di Vidor, grazie per il vostro ricordo ed il messaggio con le belle foto della pesca di San Giuseppe che anche quest’anno sono certo sarà “una pesca miracolosa”, perché fatta con tanto amore e motivata da fede vera nel Signore che ci rende capaci, pur nelle nostre fragilità, di portare frutti abbondanti per voi e per quanti hanno bisogno di solidarietà e rispetto. Da parte mia vi assicuro una benedizione speciale ed il ricordo di preghiera, specialmente nella santa messa. Vi spero in buona salute e serene, io sto bene anche se con molto lavoro perché da circa quattro mesi sono solo come prete qui a Namalu, anche se vivo in comunità con un giovane diacono comboniano ugandese che dovrebbe essere ordinato sacerdote in agosto. Un cordiale saluto a don Livio ed a tutti i parrocchiani vidoresi. A voi un abbraccio forte forte, ed un grazie grande per il bene che volete a noi missionari. Vostro Padre Walter".

(Fonte: Antonella Callegaro © Qdpnews.it).
(Foto: Gruppo parrocchiale).
#Qdpnews.it

// Storie di Sport