Vidor, Casa Maria Adelaide riapre ai famigliari delle persone con disabilità, ecco il progetto Bar ConTatto

Durante il periodo di isolamento sociale a causa del Coronavirus, a Casa Maria Adelaide da Sacco, la comunità alloggio e centro diurno per persone con disabilità con sede a Vidor, è nata l’ideazione del progetto “Bar ConTatto”.

Le persone che risiedono nella comunità, infatti, avevano espresso in questi mesi il desiderio di rivedere i propri cari, ma anche di uscire o semplicemente di andare al bar.

Abbiamo messo insieme due desideri e progettato il Bar ConTatto - spiega Sara Pescarini educatrice della comunità - Il territorio qualche tempo fa ci aveva regalato la “Baita dei Masi”, una casetta di legno utilizzata come angolo bar a servizio della bocciofila del paese prima che il comune di Vidor realizzasse i campi da bocce al coperto, donataci nel 2018 grazie alla pro loco La Vidorese e al comune, che abbiamo fatto sistemare nella zona nord. Grazie anche alle donazioni ricevute dall'associazione di Casa Maria Adelaide è stata poi sistemata e attrezzata. La signora Gabriella, in memoria del fratello Franco, ha regalato un frigorifero e i tavoli e la ditta Brado Spa di Valdobbiadene ha donato le sedie. Con l'aggiunta degli ombrelloni abbiamo creando un vero e proprio “bar” in una cornice veramente spettacolare, all'aperto in mezzo al verde”.

IMG 20200522 WA0000 resized 20200525 064014942

“Ieri, lunedì 25 maggio 2020, lo abbiamo inaugurato, brindando con un aperitivo analcolico e con degli stuzzichini - aggiunge l’educatrice Patrizia Michieletto - Nei prossimi giorni prevediamo di aprirlo alcune giornate solo per i residenti, e altre per gli incontri programmati con i famigliari. Le persone che vivono a Casa Maria Adelaide, oltre ad essere i fruitori dovranno indossare le vesti di camerieri e baristi, apportando il loro contributo".

Inoltre sabato scorso 23 maggio, la residente Ketti ha compiuto 50 anni, e ieri ha ricevuto il suo regalo più bello: alle ore 15.30, finalmente, ha potuto incontrare la mamma Bruna dopo quasi 3 mesi di isolamento sociale.

Non ci sono stati baci e abbracci, sono state mantenute tutte le norme stabilite ma, nonostante ciò, l’emozione e la gioia di rivedersi e stata molto forte.

"Quello che prima del lockdown sembrava banale come il sorridere, o parlare dolcemente e guardarsi negli occhi ieri è stato qualcosa di straordinario” conclude l'educatrice.

Se qualcuno volesse donare generi alimentari per il “bar” di Casa Maria Adelaide, sono ben accetti, anche perchè la comunità sta già pensando a dei progetti futuri.

 

(Fonte: Antonella Callegaro © Qdpnews.it).
(Foto: Casa Maria Adelaide).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport