Concluso tra gioia e entusiasmo il centro estivo "L'arcipelago delle Isole Colorate" dell'asilo di Vidor

Si è concluso ieri, venerdì 31 luglio, il centro estivo iniziato il 15 giugno per bambini dai tre ai sei anni, organizzato quest'anno dalle insegnanti della scuola dell'infanzia di Vidor, con l'aiuto di sei volontarie e svolti alla sede della scuola dell'infanzia stessa "Cavalier Carlo Tittoni".

Quindici sono stati i piccoli partecipanti, che sono stati suddivisi in tre gruppi, come da limiti numerici previsti dalla normativa, ciascuno seguito da una maestra e da una volontaria a turno.

Il nome di questo centro estivo è stato "L'arcipelago delle Isole Colorate": ogni gruppo, infatti non doveva venire in contatto con l'altro. In questo modo la scelta dell'isola è stata un modo per far rispettare le misure di distanziamento imposte dalle norme sul contenimento del Covid-19.

Le finalità del centro estivo sono state quelle di riprendere in sicurezza le modalità relazionali e sociali, tenendo conto delle distanze fisiche e di promuovere le attività all'aperto, dopo il lockdown, per conoscere il territorio.

IMG 20200731 WA0010

Ogni settimana c'erano degli appuntamenti fissi: le passeggiate alla scoperta dei luoghi caratteristici di Vidor come l'Abbazia di Santa Bona, il Castello sul colle, il fiume Piave, il torrente Teva; la staffetta delle letture animate grazie ai volontari della biblioteca e, nelle giornate di venerdì, i giochi d'acqua.

Non sono mancati lavoretti, golose gite istruttive sulla produzione del miele, allegria, buonissime merende a base di anguria e gelato ma, soprattutto, risate tra musica e giochi. Mercoledì scorso, inoltre, i gruppi si sono recati in municipio, dove hanno cantato l'Inno di Mameli, per incontrare il sindaco e donargli le bandierine tricolore realizzate dai bambini stessi.

Di venerdì, infine, veniva puntualmente inviato ai genitori un video riassuntivo con le foto delle attività svolte.

"Tra mille limiti burocratici e legislativi il centro estivo è decollato. I bimbi, che in questa tragedia del Coronavirus sono stati un po' dimenticati, sono quelli che hanno più diritto di essere tutelati e salvaguardati. Sono quelli il cui sorriso non possiamo permetterci di perdere" affermano le insegnanti Silvia Minute, Sonia Miotto e Lisa Tormena.

"Un ringraziamento va a tutti coloro che hanno reso speciale questo centro estivo: ai nonni e alle loro letture, alla signora Elvira Fantin che ha fatto da guida al Castello, alla signora Maurizia Manto con la visita in abbazia, alla signora Marina Bergamin e il suo delizioso miele, al sindaco Albino Cordiali e all'amministrazione comunale. Un ringraziamento speciale va a tutti i genitori della nostra scuola e non, per la fiducia che, anche in un momento così delicato, ci hanno dato.

A malincuore abbiamo dovuto dire di no a molte persone a causa delle restrizioni drastiche, del resto la sicurezza è cosa prioritaria. Altro sentito grazie alle nostre super volontarie che si sono dimostrate rispettose delle regole e con una innata dolcezza nei confronti dei bimbi. Ma il grazie più grande va ai bambini che, con i loro sorrisi e la loro spontaneità, hanno alleggerito il cuore di tutte noi, mostrandoci davvero cosa vuol dire rialzarsi e ricominciare" concludono le maestre.

 

(Fonte: Antonella Callegaro © Qdpnews.it).
(Foto: centro estivo Vidor).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport