Vittorio Veneto, vandali ai park sotterranei di piazza Meschio, il vicesindaco Posocco: "Occhi elettronici sulle aree a rischio"

E’ passato subito dopo l’ennesimo raid vandalico al parcheggio sotterraneo di piazza Meschio, e il vice sindaco Gianluca Posocco ci è rimasto male, ma è stato categorico: ci saranno provvedimenti. “Non voglio entrare nelle diatribe in atto tra comune e assicurazione perché deciderà un giudice sui parcheggi al primo piano, senza controllo. Tuttavia i raid si ripetono e chi vive lì vive male, anche perché gli appartamenti li hanno pagati cari. Non sta bene che la gente viva con questa angoscia”.

Come è successo proprio la mattina di Ferragosto quando i proprietari nel garage al secondo piano hanno trovato le loro auto danneggiate dalle spruzzate degli estintori presenti nei garages. Nel corso della notte una banda, almeno sei malintenzionati travisati hanno dato sfogo alla loro inciviltà.

Ci sono indagini in corso per risalire alla loro identificazione visto che sono stati ripresi dalle telecamere. Il fatto è che pur essendo privati al secondo piano tutti possono accedere ai parcheggi. Ci dovrebbe essere una sbarra al primo piano che proprio per la contesa in atto in mano ai giudici, invece ancora non funziona. Di fatto facendo diventare i park sotterranei terra di nessuno.

Per il vice sindaco però con controlli mirati non ci si può limitare solo a a Piazza Meschio. “Dove non arriviamo noi deve arrivare l’occhio elettronico. E’ stato l’ultimo di una serie di atti vandalici e ci sono diverse aree che vanno monitorate, dove operano malintenzionati, non solo piazza Meschio. Per allontanare queste persone e dare più sicurezza. E’ un nostro dovere. Nelle prossime riunioni di giunta nel parleremo, e con l’assessore alla sicurezza Ennio Antiga si porterà avanti questo progetto”.

(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

// Storie di Sport