Lei vuole andarsene ma il compagno glielo impedisce, 40enne a processo per sequestro di persona

Al culmine di una lite lei vuole andarsene, ma il compagno la chiude in casa e la segrega per una notte.

Per questo un 40enne vittoriese si dovrà difendere a processo dall’accusa di sequestro persona.

La vittima è la compagna 25enne con la quale conviveva a Vittorio Veneto, all’epoca dei fatti nel 2017. Secondo quanto gli contesta la procura, una sera di dicembre, tra i due sarebbe scoppiata una lite. Una discussione alla quale la 25enne avrebbe voluto porre fine andandosene di casa.

Per questo avrebbe indossato il giubbotto e si sarebbe avvicinata alla porta. Ma questa era chiusa. Le chiavi sparite. Il 40enne le avrebbe così impedito di uscire. E avrebbe fatto di più. Perché la donna, avrebbe allora cercato di uscire da una finestra ma lui l’avrebbe bloccata. Obbligandola a restare in casa fino al mattino dopo.

Una volta libera lo aveva denunciato e ora l’uomo è finito alla sbarra per sequestro di persona.

Il 40enne però, difeso dagli avvocati Maria Grazia Stocco e Stefano Carrer, respinge le accuse. “Non è vero. Non l’ho segregata”.

(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport