Summit per il recupero dell'ex area Carnielli a Vittorio Veneto, via alle attività per la rimozione dell'amianto

Sta continuando, e presto c'è la convocazione dell'apposita commissione comunale, l’iter per il recupero dell’area «ex Carnielli».  Intanto il complesso di Sant’Artemio, sede della provincia, alle porte di Treviso, ha ospitato il previsto summit nel corso del quale i tecnici del Settore ambiente di Provincia e Comune di Vittorio Veneto hanno avuto modo di confrontarsi con quelli del gruppo Alì, che ha rilevato l'area e sarà titolare della bonifica.

Esaminato il progetto di recupero, le parti hanno preso atto delle indagini già svolte e del piano di bonifica approvato nel passato ed hanno condiviso l’opportunità di condurre ulteriori indagini tecniche per accertare se sia necessario o opportuno modificare o integrare il progetto di bonifica.

A questo scopo sarà sottoposto quanto prima all’autorità provinciale un piano di indagine volto ad acquisire - sempre con il confronto diretto con gli Enti pubblici interessati (Provincia, Comune ed ARPAV) - altri dati aggiornati e utili per le ulteriori fasi del procedimento.

Nel frattempo, su sollecitazione dell’amministrazione vittoriese si è concordato di dare inizio immediatamente alle attività preparatorie e in particolare alla rimozione dei calcinacci e all’asportazione controllata dell’amianto sulla base di un piano approvato dall’Usl e dal Comune.

Fanno eccezione - per ora - le coperture degli stabili che dovranno temporaneamente restare in loco al fine evitare grosse infiltrazioni di acqua e pioggia all’interno dell’edificio. Il gruppo Alì si è reso disponibile a provvedere a quanto richiesto, con la massima sollecitudine e secondo le procedure di legge.

(Fonte: Comune di Vittorio Veneto).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport