Vittorio Veneto, Val dei Fiori sconvolta da sbancamenti. De Bastiani: "Questo sarebbe patrimonio naturalistico?"

Non è sicuramente l’espressione migliore degli scorci che si possono ammirare sulle colline Unesco, e da Vittorio Veneto, dal gruppo di minoranza Ronascita Civica-Partecipare Vittorio arriva una testimonianza di un’area che si può vedere a Confin di Vittorio Veneto, praticamente nella core zone dell’Unesco. E che sarà anche oggetto di una interpellanza all’amministrazione comunale.

“Partecipare Vittorio - annota Alessandro De Bastiani, consigliere comunale particolarmente attivo sulle questioni ambientali - farà pervenire alla neo presidente dell’associazione per il patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, Marina Montedoro, i due scorci suggestivi fotografati in piena area Unesco”.

kinesiostudio nuovo

Per De Bastiani una domanda sarcastica al presidente della Regione Luca Zaia: “Le colline saranno un monumento ”open air” del patrimonio naturalistico e antropico? Troppo tardi! Queste sono già state sconvolte dagli sbancamenti che imperterriti continuano nella zona Unesco. Le Colline di Cozzuolo e di Confin già non assomigliano più al patrimonio che noi tutti conoscevamo fino a una decina di anni fa. I valori identitari del territorio e della sua gente sono stati sepolti e abbandonati, rimpiazzati con i valori capitalistici del profitto. Di quale identità culturale e territoriale si sta parlando?”.

Schermata 2020 07 01 alle 09.54.56

La conclusione di De Bastiani è amara: “All’identità è stato dato il ben servito, i terreni sono stati recintati impedendo il passaggio sui sentieri battuti da secoli dalla gente del luogo,. Le nostre colline sono state devastate e quel che è peggio è che il processo di sconvolgimento continua imperterrito. Alla faccia di tutti i comitati, che siano tecnico-scentifici o popolari”.

“Il toponimo di questa area - conclude De Bastiabi - è “Val dei fiori", ma la monocultura del prosecco ha cancellato tutti i campi fioriti, la fienagione è scomparsa sono stati estirpati gli alberi da frutto e le zone boschive”.

 

(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: Alessandro De Bastiani).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport