Vittorio Veneto, vandali e accessi facili di notte per danneggiare parco Papadopoli. De Bastiani: "Chiudete i cancelli"

Troppi vandali a parco Papadopoli dove periodicamente si ripetono atti di distruzione e danneggiamento da parte di irresponsabili, che impunemente si accaniscono sulle strutture pubbliche.

Per questo la questione è stata presa a cuore dal consigliere comunale Alessandro De Bastiani secondo il quale tuttavia per mettere fine agli atti di vandalismo la soluzione “è tanto semplice quanto facile: alla sera chiudere i cancelli del parco”.

De Bastiani è sicuro anche che di notte, nonostante ci siano controlli e passaggi anche dei carabinieri, qualcuno sale perfino in macchina all’interno del parco, “semplicemente imboccando il cancello a fianco della Rotonda che è sempre aperto. Di lì una stradina che corre dietro all’ex Gil permette di raggiungere la casa del custode, quella recentemente vandalizzata, in automobile”.

Il problema è che l’accesso non sarebbe vietato, non ci sono cartelli di divieto: “E così fanno spesso di notte, probabilmente gruppi di giovani, in piena legalità in quanto all’ingresso non c’è neanche un cartello che vieti l’accesso ai non autorizzati.

È incredibile, quanto sconcertante, che nessuno assuma il provvedimento più semplice che si possa pensare. Talmente scontato che evidentemente risulta incomprensibile. Con un piccolo intervento di messa in opera di pochi metri di rete metallica è possibile chiudere di notte il parco. Certo sarà possibile scavalcare la rete e introdursi ugualmente ma almeno chi si avventura saprà di farlo commettendo un abuso”.

È vero - conclude De Bastiani - che a Vittorio c’è il detto popolare “roba del comun, roba de nesun” ma mi sembra che si stia esagerando. Ci sono sempre tre cancelli sono sempre aperti: non è poi tanto difficile fare quello che si faceva una volta e che farebbe qualsiasi privato cittadino oggi. Un cartello con gli orari, e un paio di lucchetti".


(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport