Vittorio Veneto, ieri pomeriggio danni a vigneti e colture. Miatto: "Poteva andare molto peggio"

Dopo il maltempo di ieri, martedì 4 agosto, ora tocca fare la conta dei danni: era il primo pomeriggio di ieri quando una violenta perturbazione, con pioggia e grandine, si è abbattuta nel trevigiano, concentrandosi specialmente nell'asolano, nel pederobbese e a Cornuda, con allagamenti a altri disagi affini, che hanno richiesto l'intervento di Vigili del fuoco, Avab e Protezione civile.

Disagi che, purtroppo, non sono mancati neppure nel vittoriese, dove una copiosa grandinata si è riversata sul territorio, per circa mezz'ora.

3e955de9 66a6 44cf 887a ab68a7bde022 copy

Sempre a Vittorio Veneto gli automobilisti hanno incontrato alcuni disagi, specie in via Cal de Livera e in via De Marchi, dove alcuni tratti di strada sono stati soggetti ad allagamenti e alla caduta di rami di alberi, provocata dal vento impetuoso.

Ma a fare i conti con gli effetti di questa grandinata di inizio agosto sono stati soprattutto viticoltori e agricoltori della zona, che hanno segnalato danni a vigneti e colture della zona.

"Sono al corrente di circa una quindicina di segnalazioni di danni a privati, vitigni e colture comprese. - ha dichiarato Antonio Miatto, sindaco di Vittorio Veneto - Tuttavia, considerando quanto avvenuto in altre zone e vista l'entità della perturbazione, poteva andare molto peggio".

Ora l'attenzione sarà tutta indirizzata alla cura dei vitigni danneggiati, una preziosa fonte economica, specie in periodi di crisi come quello in corso.



(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport