Yassmine Aaouiss premiata dall’associazione culturale “Misericordia”: massimo dei voti alla maturità

La scorsa domenica 13 settembre 2020, nella sede dell’associazione culturale “Misericordia” in via Menarè a Vittorio Veneto, è stata premiata la studentessa Yassmine Aaouiss che, grazie al suo impegno e alla sua dedizione allo studio, è riuscita a passare l’esame di maturità con il massimo dei voti: 100/100.

La premiazione rappresenta un piccolo gesto da parte dell’associazione e un importante incoraggiamento per tutti i giovani studenti che vogliono intraprendere lo stesso percorso di Yassmine che ha inorgoglito la sua famiglia e tutta la comunità musulmana che fa riferimento a questa associazione e al centro culturale islamico ad essa legato.

Dall’associazione culturale “Misericordia” di Vittorio Veneto, dopo la preghiera di ringraziamento ad Allah per il dono di questa ragazza, è arrivato anche l’augurio per la carriera della studentessa, con la speranza che possa dare il suo contributo alla comunità musulmana ma anche ad altre realtà.

L’iniziativa di premiare gli studenti meritevoli verrà portata avanti dall’associazione anche in futuro per incoraggiare e stimolare i ragazzi ad impegnarsi nello studio.
Inoltre, immagini come quella pubblicata nella pagina Facebook dell’associazione culturale “Misericordia” sono un bel segno per l’integrazione dei fedeli dell’Islam in Veneto.

Purtroppo, sono ancora molti i pregiudizi degli italiani rispetto al ruolo della donna nell’Islam e iniziative come quella di Vittorio Veneto dimostrano il valore attribuito dai fedeli musulmani ai successi scolastici e professionali delle donne, invitate a proseguire negli studi per migliorare il loro livello di conoscenza con l’obiettivo di ricoprire in futuro ruoli significativi nella società.

Spesso, alcuni usi e costumi di determinate comunità locali vengono confusi con i precetti dell’Islam, creando delle barriere all’integrazione e al confronto reciproco tra persone appartenenti a culture e religioni diverse.

L’abbattimento di queste barriere è anche uno degli obiettivi degli organizzatori dell’edizione 2020 della “Giornata del Dialogo Islamo-Cristiano” in Veneto.

Nelle prossime settimane inizieranno i primi incontri per capire come poter organizzare al meglio un evento capace di creare nuovi ponti tra le due fedi, superando gli ostacoli e le difficoltà create dall’emergenza Coronavirus.


(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it),
(Foto: Facebook).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport