Farra di Soligo, sold out per l’“Incontro di solisti” dell’associazione musicale Toti dal Monte: gremita la Chiesa Madonna dei Broi

Sabato 23 ottobre la Chiesa Madonna dei Broi di Farra di Soligo, ha ospitato “Incontro di solisti”, concerto di altissima qualità con un gruppo di solisti, fra allievi ed ex allievi della “Toti dal Monte”, associazione musicale di Solighetto.

L’evento ha riscosso molto successo, tanto che Giancarlo Nadai, presidente della “Toti del Monte”, desidera personalmente ringraziare tutte le persone presenti: “C’è sempre molta affluenza ai nostri appuntamenti, forse perché c’è un senso di speranza vedere le nuove generazione del territorio Unesco che lavorano così infaticabilmente per valorizzare i propri talenti, che credono nell’arte e nel professionismo della cultura. Abbiamo cercato di accontentare più persone possibili, pur attenendoci alle norme anti-covid, ma la chiesetta è un piccolo gioiello sacro molto raccolto…siamo andati in sold out, insomma. Rassicuro coloro che non hanno potuto partecipare che, dato l’ottimo riscontro, replicheremo molto presto”.

In effetti, gli eventi della “Toti” non richiamano solo i locali, perché c’è anche chi arriva da Montebelluna, Vittorio Veneto, Treviso, Belluno, Conegliano, Asolo e non solo.

Il programma musicale era di alta qualità, ma ugualmente godibile anche alle orecchie meno esperte, grazie alla presentazione di Elisa Nadai, che ha accompagnato i presenti all’ascolto del programma, tratto per la maggior parte dal repertorio vivaldiano.

Dopo il Preludio del violinista Sebastiano Menardi, è stato eseguito il Concerto per violino, archi e continuo in Re Maggiore con solista Andrea Bet, che ha sapientemente reso il dinamismo del pezzo.

Il programma è proseguito con uno dei più famosi pezzi per mandolino che siano mai stati scritti, ed eseguito con grande padronanza interpretativa dal Maestro Claudio Doni, Concerto in Do maggiore per mandolino, archi e continuo.

“Incontro di solisti” si proponeva di introdurre il pubblico a sonorità inconsuete, così per la prima volta il cast artistico prevedeva due oboi, Valentina Dal Bello e Francesco di Giacinto, che hanno eseguito Concerto in Do maggiore per 2 oboe, archi e continuo, sempre di A. Vivaldi.

A concludere l’esperienza, il soprano Loredana Zanchetta, nonché Prof.ssa di Canto Moderno alla “Toti”, con un mottetto vivaldiano. Il Mcomponimento prescelto di ispirazione sacra era il Mottetto in Sol minore per archi e basso continuo, O qui coeli terraeque serenitas.

La Chiesa Madonna dei Broi, è una antica meta di devozione popolare dedicata a Santa Maria ad Nives, la Madonna della Neve, uno dei titoli utilizzati per invocare la Madre di Gesù. “Abbiamo voluto ricordare e rendere omaggio a questa figura invitando al concerto l’artista Livio Ceschin, che della Madonna ha inciso una splendida “Maternità”, che ci è stato gentilmente concesso di riprodurre nella locandina di “Incontro di solisti”” conclude Nadai.

Le generose offerte raccolte durante la serata andranno a favore di padre Luigi Casagrande, originario di Soligo e missionario in Africa.

(Foto: Piccola Orchestra veneta).
#Qdpnews.it

Total
31
Shares
Articoli correlati