Un fotografo amatoriale racconta l’incontro casuale con un branco di 5 lupi in Cansiglio: 23 secondi di adrenalina e di rispetto

23 secondi è stata la durata dell’incontro di Sergio Francescon con un branco di lupi, da qualche parte nella vastità della foresta del Cansiglio alle 8.40 di ieri mattina: attimi che, segnati sui metadati delle fotografie della sua Canon Eos 750, sono stati sufficienti per fargli percepire un’emozione che anche ora, a casa sua a San Vendemiano, fa fatica a descrivere. Secondo gli appassionati di Fotografia in Cansiglio è il primo a immortalare cinque esemplari assieme, di giorno, di persona.

Mentre le sue fotografie incontrano gli applausi della community degli amanti del Cansiglio, tra fotografi ed escursionisti, lui ammette di non aver mai dato la caccia alle immagini ma di essersi trovato davanti questa visione del tutto casualmente.

“Ero andato a fare una passeggiata e avevo la macchina fotografica in mano per scattare qualche foto al fogliage, che in questo periodo è magnifico, quando ne ho visto uno poco distante – racconta al telefono il signor Francescon. – Allora mi sono addentrato sul sentiero e ne ho visti cinque, ma potevano anche essere di più. Erano nei pressi di un piccolo dirupo a venti, trenta o quaranta metri da me. Mi son sentito il cuore battere forte e l’istinto mi ha fatto scattare quelle fotografie. Alcune sono un po’ mosse infatti”.

Quando per la prima volta ha pubblicato le immagini online, Francescon ha sottolineato che non avrebbe detto a nessuno la posizione esatta dove aveva incontrato i lupi: questo per far sì che il branco sia lasciato in pace e che questi incontri, distinti per un rispetto reciproco tra le due specie, siano sempre rari e magnifici.

(Foto: Sergio Francescon).
#Qdpnews.it

Total
671
Shares
Articoli correlati