Gli eroi dell’Orienteering in Cansiglio, ricca partecipazione ai Campionati Italiani nel ricordo di Nicola Comarella

Si sono svolti sabato 8 e domenica 9 maggio in Cansiglio i Campionati Italiani di Corsa Orientamento, specialità Middle e Staffetta.

Erano circa un migliaio gli atleti che si sono presentati al via nelle due gare che hanno affrontato le insidie di uno dei boschi più tecnici e belli del mondo; la zona di Archetton nei pressi del “Bus de la Lum” è stato il palcoscenico di questa manifestazione, rinviata lo scorso anno per pandemia ma riproposta quest’anno dall’Orienteering Tarzo.

La società trevigiana, guidata dal suo Presidente Edoardo Tona e il vice Ercole Pin, unendo le proprie forze alle amministrazioni locali è riuscita a mettere in piedi un evento molto importante per il territorio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tarzo-cansiglio2-140521.jpg

Il “Bosco dei Dogi” sarà infatti protagonista di una manifestazione ancora più importante a fine estate; si correranno qui le gare della Finale della Coppa del Mondo di Orienteering 2021.

La gara del sabato è stata vinta da Riccardo Scalet in 42:32 (Park World Tour Italia) in campo maschile nella categoria Elite; tra le donne ha dominato Anna Pradel in 45:46 (U.S. Primiero).

Nella spettacolare gara a staffetta (3 frazionisti per team) titolo italiano per il Pwt con Scalet T. – Patscheider – Scalet R. tra gli uomini; per le donne vince l’U.S. Primiero con Pradel – Scalet C. – Taufer.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tarzo-cansiglio-140521.jpg

Presenti molte autorità alle premiazioni: i rappresentanti dei comuni coinvolti (Tambre, Alpago, Caneva, Polcenigo e Fregona), l’Assessore della Regione Veneto Cristiano Corazzari in rappresentanza del Governatore Luca Zaia, il Presidente Fiso Sergio Anesi e il Presidente Fiso Veneto Mauro Gazzerro.

Premiazione speciale per il vincitore della categoria M18 Goran Polojaz, che riceve in dono dal Comune di Fregona una ceramica decorata a mano in ricordo del giovane Nicola Comarella, atleta dell’Orienteering Tarzo scomparso un anno fa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tarzo-orienteering-3-150521.jpg

A premiare il forte atleta del Gaja Orieteering di Padriciano (TS) la famiglia di Nicola; la società ha voluto ricordare il suo caro amico e socio disegnando la maglietta celebrativa dell’evento; sul retro un disegno di Nicola e una frase che lui diceva spesso: “Correre nel bosco mi fa sentire libero”.

Lo spirito degli orientisti presenti è riassunto proprio in questa frase.

(Foto: Orienteering Tarzo).
#Qdpnews.it

Total
25
Shares
Articoli correlati