Domani a San Polo di Piave il funerale del 26enne deceduto in via Colonna a Vazzola. La Procura dispone una perizia cinematica sull’incidente

Saranno celebrati venerdì 15 ottobre alle ore 15.00, nella chiesa di San Polo di Piave, il paese dove abitava con la sua famiglia, i funerali di Giovanni Di Napoli, il giovane di appena 26 anni rimasto vittima dell’ennesima tragedia della strada, con la sua moto, domenica 10 ottobre alle 10 del mattino nella vicina Vazzola, in via della Colonna.

Il Pubblico Ministero della Procura di Treviso, dott.ssa Anna Andreatta, che da prassi ha aperto un procedimento penale, non ha ritenuto necessario disporre l’autopsia sulla salma e ha dato il nulla osta ai familiari, che così hanno potuto fissare la data delle esequie del loro caro, che si preannunciano partecipatissime: Giovanni era conosciutissimo e ben voluto da tutti e saranno in tanti a voler dare l’ultimo saluto all’amico o al collega di lavoro e a stringersi attorno a papà Elpidio, mamma Luisa e alla sorella gemella Eleonora, una famiglia distrutta dal dolore ma che ringrazia l’impresa in cui Giovanni lavorava, la Nuova CML di Cimadolmo, “che ha avuto il coraggio di investire su un giovane assumendolo con un contratto a tempo indeterminato, che lo aveva completamente gratificato nella sua breve vita donandogli due anni magnifici dal punto di vista professionale”.

Il sostituto procuratore, tuttavia, ha disposto un accertamento tecnico non ripetibile per stabilire con esattezza la dinamica, le cause e le responsabilità del tragico sinistro, iscrivendo nel registro degli indagati con l’ipotesi di reato di omicidio stradale, anche come atto dovuto per dargli modo di nominare eventuali consulenti tecnici di parte, il trentatreenne di Vazzola che, svoltando a sinistra per entrare in una laterale con la sua Volkswagen Golf, si è scontrato con la Ducati 889 del giovane che sopraggiungeva dalle sue spalle, nella stessa direzione di marcia, da Tezze verso Ponte della Priula, in fase di sorpasso. Un impatto, com’è tristemente noto, terribile, in seguito al quale il motociclista è stato sbalzato dalla sua due ruote rovinando a terra dopo un volo di svariati metri e riportando traumi letali.

L’incarico per effettuare la perizia cinematica sarà conferito lunedì 18 ottobre, alle 13, in Tribunale a Treviso, all’ing. Pierluigi Zamuner. Una volontà, quella del magistrato, di fare piena luce sui fatti, accolta con particolare favore dai congiunti di Giovanni, che per capire esattamente cosa sia successo quella maledetta domenica si sono affidati a Studio3A-Valore S.p.A., in collaborazione con l’avv. Andrea Piccoli del Foro di Treviso. Studio3A ha messo a disposizione come consulente tecnico di parte per la famiglia Di Napoli l’ing. Alberto Conte, che prenderà parte alle operazioni peritali, il cui inizio sarà deciso per l’appunto lunedì in sede di conferimento dell’incarico.

(Foto: per concessione della famiglia Di Napoli)
#Qdpnews.it

Total
3
Shares
Articoli correlati