Veneto, tamponi obbligatori negli scali della Regione. Zaia firma una nuova ordinanza: “Lavoro di prevenzione per evitare sorprese”

Il presidente Luca Zaia ha firmato poco fa una nuova ordinanza che istituisce misure di controllo e di sicurezza per chi arriva negli aeroporti veneti.

Il governatore del Veneto ha deciso di emanare questo provvedimento alla luce degli sviluppi della diffusione del Covid-19 anche in Europa.

L’emergenza Coronavirus, infatti, continua a preoccupare le autorità sanitarie di tutto il mondo e in questa nuova fase della pandemia le varianti sono le osservate speciali numero uno.

Si tratta di un’attività prudenziale che riguarda in particolar modo alcuni Paesi europei per i quali l’Ecdc, l’European Centre for Disease Prevention and Control, segnala delle criticità – ha precisato Zaia – Peraltro, anche in Veneto abbiamo casi di positività al rientro, poi trasmessa a soggetti che finiscono in ospedale oppure in terapia intensiva”.

“In via di estrema cautela per la salute dei cittadini – continua -, per chi rientra da questi Paesi europei e che non è vaccinato si fa obbligo di effettuare un tampone o all’arrivo in aeroporto o in uno dei centri tampone del territorio. Anche questo è un lavoro di prevenzione per evitare sorprese, perchè il virus purtroppo ci ha abituato a cambiamenti repentini di scenario”.

Il presidente del Veneto ha spiegato che in Regione la campagna vaccinale sta funzionando anche in relazione ai soggetti ricoverati.

È necessario – conclude Zaia – che tutti ci mettiamo d’impegno nel collaborare per mantenere viva l’azione di screening nella popolazione”.

Rispetto ai punti tampone ad accesso libero nell’Ulss 2 Marca Trevigiana, si ricordano queste realtà: Treviso ex Dogana (dal lunedì al sabato dalle ore 8 alle 20 e domenica e festivi dalle ore 8 alle 13); Altivole ex Velo (dal lunedì al sabato dalle ore 8 alle 14); Conegliano Zoppas Arena (dal lunedì al sabato dalle ore 8 alle 14); Oderzo Foro Boario (dal lunedì al sabato dalle ore 8 alle 13).

L’accesso ai punti tampone sarà libero per tutta la popolazione e per l’effettuazione del tampone, che in Veneto resta gratuito in queste strutture, non sarà necessaria alcuna impegnativa. 

(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Total
72
Shares
Articoli correlati