Biz (Tutti per Cordignano): “Il caddy del Comune all’Associazione Anziani”. Campagna: “Proposta inammissibile, non ci sono le condizioni”

Il consigliere comunale di minoranza Alessandro Biz, della lista Tutti per Cordignano, ha proposto al consiglio comunale di sostituire l’automobile messa a disposizione all’Associazione Anziani di Cordignano.

Tale mozione terrebbe conto dell’importante attività che svolge l’attuale mezzo nel trasporto di persone per visite mediche e altre necessità, ma anche della sua vetustà, motivo per il quale dovrebbe, secondo l’ex sindaco, essere sostituito.

Al suo posto avrebbe valutato la possibilità di utilizzare un Volkswagen Caddy, acquistato nell’aprile 2018, grazie al contributo della società Savno e attualmente in uso ai dipendenti e agli amministratori comunali per spostamenti legati alle proprie mansioni. Il mezzo avrebbe le dimensioni e la funzionalità adeguate per essere trasformato in base ai bisogni, ad esempio installando una pedana mobile per far salire gli utenti con disabilità motorie.   

“Si tratta di una monovolume, grande rispetto alle normali automobili utilizzate dagli impiegati del Comune e per tale ragione tenuta sempre parcheggiata – sostiene Biz (a destra nella foto) –. Sarebbe, invece, una risorsa per gli anziani, che avrebbero così un mezzo da impiegare nei loro eventuali spostamenti. Avrei voluto – ha continuato – che la mia proposta venisse inserita nel consiglio comunale, così da poter essere valutata, per trovare insieme una soluzione adeguata per entrambe le fazioni. Sarei stato disposto a trovare un compromesso pur di fare fronte a questo problema che da anni sento mio. Per tale ragione propongo un incontro a tre fra il sottoscritto, l’associazione anziani e un rappresentante della giunta.

A non essere d’accordo con la mozione il sindaco Roberto Campagna (a sinistra nella foto), il quale sostiene che quello indicato è un veicolo attualmente indispensabile per il Comune: “Questa donazione per noi comporterebbe, purtroppo, una grave perdita e saremmo costretti a comprare un’altra automobile investendo una cospicua somma. Attualmente, inoltre – continua il primo cittadino – i trasporti sociali vengono programmati ed eseguiti dall’ufficio Servizi Sociali a mezzo dell’associazione Auser, convenzionata con il Comune. E’ con questa che il centro anziani Antes effettua i trasporti, sopperendo a tutte le esigenze richieste. Per avere una maggiore efficienza sarebbe necessario, a mia opinione, non un’auto in più, ma un numero maggiore di volontari Auser. Il consigliere non ha, inoltre, presentato preventivi per l’eventuale nuovo acquisto, così da rendere inammissibile la richiesta”.

(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Total
25
Shares
Articoli correlati