Inaugurata ieri la 50esima edizione della Mostra dei Vini a Refrontolo, il vicesindaco: “Un traguardo importante”

Si respirava un clima di festa, ieri, giovedì 25 aprile a Refrontolo: nello splendido palcoscenico della Barchessa di Villa Spada è stata inaugurata la Mostra dei Vini, quest’anno giunta alla sua 50esima edizione.

Un compleanno festeggiato tramite una galleria di foto esposte all’interno della Barchessa, dagli anni settanta a oggi, utili a ricostruire la storia di un appuntamento oramai divenuto tradizionale nel territorio locale.

“Cinquant’anni sono un traguardo importante – ha commentato il vicesindaco Fabio Tittonel – e quindi un pensiero va ai volontari e ai presidenti, persone che vivono il territorio: l’augurio è che i prossimi 50 anni vadano avanti così”.

Ma la cerimonia di apertura è stata anche l’occasione per riflettere su alcune contraddizioni del sistema giudiziario italiano, emerse anche nella vicenda processuale legata alla tragedia del Molinetto della Croda del 2 agosto 2014: l’attuale presidente della Pro loco di Refrontolo Valter Scapol era stato penalmente inquisito, fino all’assoluzione recente.

Refrontolo_mostra_vini4.jpg

Quattro anni di vicende processuali sostenute dalla sezione del Veneto dell’Unione delle Pro loco d’Italia (Unpli), che ha dovuto sborsare circa 80 mila euro, tra costi di avvocati e periti. E proprio all’Unpli, per ripagarla del sostegno economico prestato fin dall’inizio, è stato dedicato il pranzo di solidarietà della Mostra svoltosi nella giornata di ieri, il cui ricavato verrà versato sul conto corrente dell’ente.

“Le vicende legate al Molinetto non sono finite – ha fatto sapere Giovanni Follador, presidente regionale dell’Unpli – e le spese sostenute fino ad ora provengono dal contributo delle Pro loco d’Italia per un totale di 52 mila euro, sommati al sostegno di privati. Tuttavia è rimasta ancora in piedi la causa civile, che richiederà altri 50 mila euro”.

La nostra fortuna è che la Regione ci è vicina – ha aggiunto Follador – e noi saremo sempre accanto alla Pro loco, perché non è giusto che Valter Scapol tiri fuori un centesimo. Noi staremo al suo fianco e faremo il nostro meglio per portare avanti la guerra”.

Da parte sua Valter Scapol ha ringraziato pubblicamente sia Giovanni Follador che Roberto Franceschet, presidente del Consorzio Pro loco del Quartier del Piave: “Posso dire che è grazie a loro se sono ancora qui“.

Sul palco della Mostra dei Vini anche la preside dell’Istituto Cerletti di Conegliano ed ex sindaco di Refrontolo Mariagrazia Morgan, la quale ha colto l’occasione per sottolineare l’importanza della formazione dei più giovani nel campo enologico.

“Oggi è un compleanno significativo che segna il successo della manifestazione. – ha dichiarato Morgan – Il nostro compito è quello di formare e proprio il settore dei produttori ci chiede di farlo con i ragazzi, in direzione della sostenibilità. Ciò permette di valorizzare il territorio, offrendo delle emozioni”.

{cwgallery}

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Total
0
Shares
Articoli correlati
Leggi di più

Elezioni comunali, ecco le liste di Sinistra e Destra Piave

Sono state depositare le candidature a sindaci e consiglieri comunali in vista delle elezioni amministrative che vedranno le…