Tarzo, si fingono assistenti sociali del Comune e rubano in casa di ottuagenari a Corbanese. L’appello del sindaco: “Proteggiamo i nostri anziani”

Truffatori in azione ieri mercoledì a Corbanese. Spacciandosi per assistenti sociali del Comune, due persone si sono introdotte nell’abitazione di una coppia di anziani ultraottantenni in centro paese. “Con una scusa, una delle due donne è riuscita a rovistare nelle stanze e a scappare con dei valori” dice al riguardo il sindaco Vincenzo Sacchet, informato dell’accaduto. Una terza persona avrebbe fatto da “palo” in strada.

Ed è proprio Sacchet a mettere in guardia i concittadini, sollecitando l’intera comunità a proteggere le persone più anziane e più vulnerabili che solitamente vengono prese di mira dai truffatori i quali, con l’inganno, riescono ad introdursi nelle abitazioni compiendo poi furti o facendo firmare ai malcapitati atti di vendita.

“Facciamo attenzione e cerchiamo di proteggere i nostri anziani della ‘porta accanto’ da possibili pericoli e dai delinquenti – l’invito del sindaco diffuso e condiviso anche tramite i social -. Brutto episodio mercoledì mattina a Corbanese: un paio di persone sono entrate in casa di anziani spacciandosi per assistenti sociali del Comune. Tutto falso, i nostri dipendenti sono ben riconoscibili”. Da qui l’invito a non far entrare in casa gente estranea.

E sempre dal sindaco arriva un’altra sollecitazione: “Quando andiamo in posta o in banca per dei prelievi di denaro, guardiamoci sempre attorno per capire se c’è qualche malintenzionato che ci sta osservando o seguendo. So che non è così semplice… ma sentire certi racconti, certi raggiri fatti a persone ‘deboli’ mi manda in bestia” le parole di Sacchet.

(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Total
17
Shares
Articoli correlati