Più donne e giovani fanno impresa nel mondo della cultura

Più donne e giovani fanno impresa nel mondo della cultura

Più donne e giovani puntano sulla cultura per fare business, che in Italia cresce grazie soprattutto ad architettura e design (mentre l’editoria e la stampa perdono colpi).

Come mostra un’analisi di Unioncamere e Centro studi Tagliacarne sul totale delle imprese culturali esistenti in Italia (oltre 275.000), una su quattro (il 24,5%) è un’impresa femminile, una su 10 (10,2%) è guidata da giovani di meno di 35 anni di età.

In entrambi i casi il “peso” percentuale di donne e giovani è maggiore rispetto al totale delle aziende italiane, in cui le imprese femminili sono il 22,2% e quelle giovanili l’8,7%. Hanno invece un’incidenza minore, ma comunque non trascurabile, le imprese condotte da stranieri, che costituiscono il 5,6% del totale delle imprese culturali e creative (a fronte del 10,8% complessivo).

Buono il ritmo di crescita delle imprese culturali nel 2022: +1,85% rispetto al 2021. Buono soprattutto quello delle imprese giovanili: +2,84% con quasi 600 imprese in più. Cresce anche la partecipazione degli stranieri (+2,04%) mentre inferiore alla media è l’aumento delle imprese femminili (+1,19%).

(Foto: archivio Qdpnews.it).
Autore: Sistema Ratio Centro Studi Castelli

Total
0
Shares
Articoli correlati