Lo scorso weekend un test importante per la viabilità in vista delle Olimpiadi. Zaia: “Sembra che le code esistano solo per andare a Cortina, ma non è così”

Sono state archiviate con grande successo le giornate ampezzane che hanno ospitato, lo scorso fine settimana, le gare della Coppa del Mondo di sci femminile.

A gioire, oltre che i tifosi italiani per la vittoria di Sofia Goggia arrivata venerdì, sono stati anche molti ampezzani che hanno potuto assaporare il clima di una competizione importante in vista delle Olimpiadi di Milano – Cortina 2026.

Il weekend appena trascorso non sarà l’unico appuntamento mondiale: il 28 e 29 gennaio verranno infatti recuperate anche due gare della Coppa del mondo di sci alpino maschile non disputate nelle scorse settimane rispettivamente in Val Gardena e a Lake Louise.

Questi appuntamenti sono stati (e saranno) anche un test importante per quanto riguarda la rete stradale e autostradale del Veneto in vista dei prossimi Giochi olimpici invernali. Per questo motivo la Regione Veneto ha allestito lo scorso fine settimana una sala operativa nella sede di Cav a Mestre, che ha monitorato la viabilità sulle strade e autostrade e ne ha dato informazione tempestiva agli utenti.

“Noi abbiamo tutti i presupposti per fare una grande Olimpiade – ha affermato il presidente della Regione Veneto Luca Zaia a margine dell’inaugurazione di una rotatoria a Codognè – e questi si vedono quotidianamente. Vi posso garantire che quando le opere delle sedi di gara verranno ultimate, vedrete una Cortina che sarà totalmente cambiata”.

Zaia ha poi sottolineato come la Regione stia lavorando sull’aspetto della viabilità: “Prova di questo è che abbiamo già fatto una cabina di regia a Milano e ne faremo un’altra il 27 febbraio qui in Veneto”.

“Le infrastrutture rispondono in base alla capacità che hanno. Io sento spesso discorsi sulle code e sulla difficoltà di raggiungere Cortina – conclude Zaia -. Comprendo fino in fondo questo disagio e non sono sicuramente favorevole alle code. Anche io le faccio, non giro con il lampeggiante superando le persone ferme. Però dico che penso di aver girato abbastanza il mondo e non ho trovato posti dove trovi il parcheggino pronto sulla porta d’ingresso. Ci sono posti tanto rinomati nel mondo dove veramente ci vogliono ore per arrivare all’obiettivo. Lo dico perché sembra che le code siano solo qui”.

(Foto e video: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Total
1
Shares
Articoli correlati