Da Belluno a Vicenza per l’ultima lezione di fitness di gruppo con Filippo agli impianti sportivi di Caerano

Grande successo per l’ultimo appuntamento di ‘Zumba Afternoon-Fitness con Filippo”, le lezioni di fitness di gruppo tenute dall’istruttore Filippo Marchesan agli impianti sportivi di Caerano San Marco.

Ieri si è tenuta l’ultima lezione, prima del passaggio in zona rossa del Veneto, alla quale hanno partecipato decine di persone provenienti dalle Province di Treviso, Belluno e Vicenza.

“Anche oggi un successo straordinario – aveva commentato nei social Filippo MarchesanUn finale memorabile, ci siamo lasciati in lacrime. Ci fanno chiudere ma non possono fermare la nostra energia e passione. La promessa è una: torneremo più di prima, con più energia, più voglia e persino più rabbia per l’incapacità di certi politici: #salviamoilfitness”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è caerano-3-fitness-150321.jpg

Per questo settore, l’anno appena trascorso è da dimenticare e ora arriva un nuovo stop anche se Filippo in questi mesi ha organizzato delle lezioni di fitness di gruppo all’aperto che per molte persone hanno rappresentato un’occasione preziosa per non soccombere psicologicamente davanti alla pandemia.

Filippo, 36enne maestro di ballo e istruttore di fitness di Crocetta del Montello, è presidente e direttore tecnico dell’associazione “Twister Dance Project”, realtà che offre corsi di balli caraibici e fitness.

Prima del Covid, lavorava dal lunedì al sabato sera visto che collaborava anche con alcune discoteche come direttore artistico.

Con l’inizio della pandemia, purtroppo, il suo settore è stato uno dei più colpiti e durante il lockdown, per non perdere completamente il contatto con le persone che partecipavano ai suoi corsi, ha proposto delle lezioni online.

“La scorsa estate siamo riusciti a lavorare un po’ con le discoteche ma senza pretendere di fare grandi cose – spiega Filippo – A settembre, invece, non c’è stata una vera ripartenza perché abbiamo avuto una grande delusione e ci siamo concentrati a recuperare gli abbonamenti che non erano stati utilizzati nei mesi precedenti. A fine ottobre, poi, è arrivata l’ennesima mazzata, proprio quando dovevamo ripartire con i nuovi abbonamenti”.

Con il primo lockdown, chi si trovava nella sua condizione ha percepito la cifra di 600 euro alla quale si è aggiunta la somma di 800 euro per i mesi di novembre e dicembre: una situazione dove è impossibile pensare di andare avanti.

“A novembre ho cercato di radunare i miei corsisti per l’iniziativa ‘Zumba Afternoon’ agli impianti sportivi di Caerano San Marco grazie alla collaborazione con l’Asd ‘Calcio Caerano’ e al sostegno dell’amministrazione comunale – aggiunge – Abbiamo avuto un successo incredibile e siamo passati dall’unico appuntamento del sabato pomeriggio a due incontri: quello del giovedì e quello del sabato pomeriggio fino a ieri, quando abbiamo deciso di proporre una lezione domenicale prima del passaggio del Veneto in zona rossa”.

“Abbiamo generato una community – conclude – I nostri incontri sono stati importanti per superare i momenti di negatività legati alla pandemia. Purtroppo, le lezioni di fitness online non sono la stessa cosa perché la gente ha bisogno di incontrarsi e di guardarsi realmente negli occhi. Io spero di cuore che si superi la diffidenza nei confronti dei vaccini e che entro l’estate si possa tornare ad avere qualche apertura in più. Io sono stato fortunato ma il mio pensiero va ai miei colleghi fermi da troppo tempo”.

(Foto: per concessione di Filippo Marchesan).
#Qdpnews.it

Total
0
Shares
Articoli correlati
Leggi di più

Elezioni comunali, ecco le liste di Sinistra e Destra Piave

Sono state depositare le candidature a sindaci e consiglieri comunali in vista delle elezioni amministrative che vedranno le…