Questo sabato il grande concerto del 50esimo del Coro Valcavasia: dal 1972, voci unite dall’amicizia 

È a calendario per questo sabato, il 30 di luglio, il grande evento musicale atteso da Cavaso del Tomba e dalle sue associazioni: il concerto di celebrazione del 50° anniversario di fondazione del Coro Valcavasia si svolgerà all’anfiteatro Piazza Benedettini alle 20.45 e vedrà raccontata l’evoluzione di quest’associazione, nata spontaneamente davanti al focolare dell’osteria Da Miet nel 1972 dall’amicizia di Germano Rizzardo, Innocente Rossetto e Marino Dal Bon (con suo nipote Massimo).

Una spontaneità nel canto che a quei tempi, quando si teneva il ritmo per sentire meno la fatica, era qualcosa di scontato, ma che oggi invece appare come qualcosa di sorprendente e rassicurante.

“Ci sarà una narrazione di due nostri ex coristi, che racconteranno la storia del gruppo in modo leggero e vivace, con una specie di chiacchierata – spiega il maestro Sabino Toscan. – Il coro interverrà con ben 18 brani, che faranno da intermezzo al racconto dal 1972 a oggi”.

Lo scorso 25 aprile il coro aveva già tenuto un piccolo concerto sul Monte Tomba e con l’occasione aveva regalato alla proprietà dell’Osteria Da Miet una fotografia storica da incorniciare là dov’era iniziato tutto: da tempo, però, il coro sentiva il bisogno di festeggiare con tutta la cittadinanza in un grande evento dedicato.

“Insieme ad amici, famigliari, ex coristi e tanti altri daremo spettacolo cantando – afferma Giuseppe Buziol, presidente del Coro Valcavasia – Vi aspettiamo numerosi per cantare insieme e festeggiare con noi questo coro duraturo e intramontabile”.

Il concerto sarà diretto dal maestro Sabino Toscan, ma anche da Cesarino Negro, Rinaldo Padoin e Tarcisio Dal Zotto. “Un traguardo importante per questa gloriosa associazione che ha tenuto e tiene alto il nome di Cavaso in tutto il mondo – commenta il sindaco Gino Rugolo, che ne fa parte. – Dal 1972, anno della sua fondazione, ha saputo esprimere e rappresentare i valori tipici della nostra gente, coniugando la ricerca tecnica alla cura dei rapporti sociali e umani così da conservare inalterati, dopo 50 anni di attività, prospettive ed entusiasmo. Un valore è tale se perdura al passare delle stagioni, mantenendo costante la propria feconda azione sulla società. Lunga vita al Coro Valcavasia”.

Il coro ha contato nel tempo da un minimo di venti a un massimo di sessanta membri in tutto il paese: oggi può contare ancora sia su volti giovani che su veterani del canto, ragion per cui si rivela un’associazione capace di raccogliere un pubblico vario e vasto, che fa di Cavaso del Tomba e dei suoi colmelli una comunità coesa.

(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Total
30
Shares
Articoli correlati