Un milione di contagi in Veneto da inizio pandemia. Nell’Ulss 2 quasi 50 mila casi attualmente positivi, ma la crescita sta rallentando

Pochi giorni fa in Veneto è stata superata la quota di 10 milioni di dosi di vaccino somministrate in poco più di un anno.

Con il bollettino di Azienda Zero di oggi, domenica 23 gennaio, emerge un altro numero tondo: un milione di casi di positività al Covid registrati da inizio pandemia.

Si parla di casi e non di persone, di contagi e non di contagiati, in quanto ci sono stati, già nel corso del 2020, casi di positività ripetuta registrati a distanza di tempo sullo stesso soggetto. Il dato è comunque impressionante, anche considerando la velocità di crescita nel solo mese di gennaio, come mostra il grafico sopra. Un terzo di tutti i casi totali è stato registrato in questi primi giorni del 2022, passando da circa 660 mila di Capodanno ad oltre 1 milione di oggi.

Per quanto riguarda il territorio trevigiano gli attualmente positivi sfiorano quota 50 mila.

La crescita dei casi continua ma con un rallentamento che tende ad appiattire la curva. Il calo del 18 gennaio era dovuto all’inserimento di un maggior numero di negativizzati. Negli ultimi tre giorni i nuovi casi sono stati mediamente poco più di 3 mila a giorno, a fronte degli oltre 4200 quotidiani registrati tra lunedì e mercoledì.

La situazione degli ospedali trevigiani è in leggero allentamento rispetto a dieci giorni fa, anche se il calo riguarda solo il San Valentino di Montebelluna, dove si è passati da 114 ricoverati (di cui 7 in terapia intensiva) a 76 (di cui 3 in intensiva).

E’ in leggera controtendenza il Ca’ Foncello di Treviso che oggi conta 94 pazienti (18 in T.I.), mentre a Vittorio Veneto si torna a 68 (di cui 3 in T.I.). Nelle altre strutture si contano 33 pazienti al San Camillo di Treviso, 2 a Motta e Oderzo, 1 a Conegliano, 1 a Castelfranco e 35 suddivisi tra gli ospedali di comunità di Treviso e Vittorio Veneto.


(Foto: archivio Qdpnews.it – Azienda Zero).
#Qdpnews.it

Total
1
Shares
Articoli correlati