Cornuda, dal 18 novembre torna il “Progetto Pedibus”. Cinque linee che raggiungono la scuola coinvolgendo 50 bambini e 12 accompagnatori

Dopo un anno di stop forzato per il Covid, è tutto pronto per la ripartenza del Pedibus di Cornuda, un servizio che intende farsi portavoce dei valori della mobilità sostenibile.

Il Pedibus è un modo sicuro, divertente e salutare per andare a scuola a piedi in gruppo, accompagnati da adulti attraverso percorsi strutturati e segnalati da cartelli “fermate” e orari precisi.

Questo progetto è presente in paese dal 2005 ed è storicamente uno dei più attivi e vivaci della Provincia di Treviso.

Il gruppo di genitori volontari che coordina il progetto dal basso, con la collaborazione dell’Istituto Comprensivo di Cornuda e con il supporto dall’amministrazione comunale, ha deciso di attivare nuovamente il progetto e ha raccolto in questi giorni le adesioni delle famiglie e dei volontari accompagnatori. 

“I primi 50 bambini sono pronti a ripartire – spiegano i volontari – insieme a 12 accompagnatori che percorreranno le vie del paese ogni giovedì mattina, fino a fine anno scolastico, e che hanno un ruolo fondamentale nel sostenere l’iniziativa accompagnando in sicurezza i bambini a scuola. Sarà rispettato il distanziamento tra i partecipanti che utilizzeranno la mascherina durante tutto il percorso”. 

“È un’iniziativa che merita il sostegno dell’amministrazione comunale – commentano gli assessori allo sport Erica Condio e all’istruzione Silvana Viviani -, che permette ai bambini di recuperare un ulteriore momento di socialità attraverso un gesto semplice ma salutare quale quello di camminare. La sedentarietà è un’altra conseguenza che la pandemia ci ha lasciato ed è importante invertite la rotta, specie tra i più piccoli. Le buone prassi si imparano da bambini”.

Il gruppo ha spiegato che l’attività si inserisce in una progettualità più ampia coordinata dall’Ulss 2, che crede da molto tempo in questo progetto e ha firmato un protocollo di intesa con la Conferenza dei Sindaci della Provincia di Treviso e le aziende che gestiscono i servizi ambientali (tra le quali Contarina che fornisce le casacche per i partecipanti all’iniziativa) al fine di sostenere e promuovere in modo capillare le iniziative di percorsi casa-scuola e Pedibus in un’ottica di progetto di comunità.

“A livello locale – aggiungono i volontari – è molto importante il supporto del Circolo Acli, da sempre promotore dell’iniziativa, e la collaborazione di Agesci e Associazione Noi Oratorio Cornuda, che confermano la loro disponibilità e che ringraziamo per la preziosa collaborazione”.

Dal 18 novembre 2021 il Pedibus di Cornuda sarà attivo ogni giovedì, fino a fine anno scolastico, con 5 linee che raggiungono la scuola coinvolgendo 62 partecipanti, di cui 50 bambini e 12 accompagnatori.

I volontari, oltre a invitare le famiglie ad aderire all’iniziativa, cercano nuovi accompagnatori che siano disponibili per questo servizio dalle ore 7.30 alle 8.05 del giovedì.

Per informazioni si può telefonare ai numeri 331-5079893 oppure 333-9579931, scrivere all’indirizzo di posta elettronica pedibus.cornuda@libero.it  (link) o consultare la pagina Facebook “Progetto Pedibus Cornuda – TV”.

(Foto: Progetto Pedibus Cornuda – TV).
#Qdpnews.it

Total
23
Shares
Articoli correlati