Attivato l’ambulatorio ostetrico per il monitoraggio della gravidanza a basso rischio

Attivato l’ambulatorio ostetrico di Giavera per il monitoraggio della gravidanza a basso rischio

Avviato in questi giorni l’ambulatorio dedicato alle gravidanze a basso rischio gestito dalla figura professionale dell’ostetrica, all’interno del poliambulatorio di Giavera del Montello.

In questa prima fase sperimentale l’ambulatorio ostetrico sarà aperto una mattina alla settimana, con la volontà di potenziarlo in caso di risposta positiva delle cittadine.

L’accesso al servizio per gravidanza è possibile anche senza impegnativa, previa prenotazione rivolgendosi al CUP. L’ostetrica effettuerà una prima valutazione di tutte le gravidanze, per segnalare eventuali fattori di rischio e controllare che vi siano tutti gli esami ematochimici richiesti prima che la gestante effettui la visita specialistica. Durante la prima visita con il ginecologo verrà definito se la gravidanza è a rischio o se rientra nei parametri fisiologici. In quest’ultimo caso l’ostetrica effettuerà le valutazioni successive, rimanendo sempre in collegamento con il medico che assicurerà tutte le ecografie previste.

L’attivazione dell’ambulatorio, voluta con l’intento di rafforzare i servizi offerti alla popolazione sul territorio e in adesione alle migliori linee guida europee e internazionali sul tema, è avvenuta nell’ambito del progetto regionale “Gravidanza a basso rischio a gestione ostetrica”, attivo in Ulss 2 dal 2015. Sono oltre 18.000 le donne in gravidanza prese in carico mediante questo percorso, con un indice di gradimento buono-ottimo, espresso dalle stesse gestanti tramite questionario anonimo dedicato, che supera il 95%.

Le ostetriche dedicate a questo genere di ambulatorio, oltre alla formazione universitaria hanno seguito una specifica formazione sul campo prevista proprio dal progetto regionale e per le loro valutazioni applicano aggiornati protocolli nazionali e internazionali, atti a identificare tempestivamente eventuali variazioni della gravidanza che necessitino della consulenza specialistica.

“Quella ostetrica è una prima valutazione molto importante – precisa il direttore generale, Francesco Benazzi – in quanto evita alle gestanti di dover ritornare dallo specialista per esami mancanti. Con l’apertura di questo ambulatorio si è aggiunto un importante tassello nel facilitare l’accessibilità ai servizi sanitari per le gestanti dell’area del Montello”.

(Foto: Ulss 2 Marca Trevigiana).
#Qdpnews.it

Total
0
Shares
Articoli correlati
Leggi di più

Elezioni comunali, ecco le liste di Sinistra e Destra Piave

Sono state depositare le candidature a sindaci e consiglieri comunali in vista delle elezioni amministrative che vedranno le…