Il Masso del Grappa come altare della Patria: al Vittoriano dopo 65 anni una messa per il Milite ignoto

Ieri il Comune di Pieve del Grappa, territorio in cui si trova il Sacrario di Cima Grappa, rappresentato dal sindaco Annalisa Rampin, accompagnata da una delegazione espressione della comunità tutta, ha reso omaggio al Milite Ignoto.

Dopo la deposizione della Corona al Milite da parte del sindaco, Annalisa Rampin, accompagnata dal Generale di Divisione Gualtiero De Cicco, dal Commissario Generale per le Onoranze ai Caduti, la delegazione si è spostata all’interno del Sacello dove riposa il Milite e il cui altare è costituito da un masso proprio del Monte Grappa.

“Il Monte Grappa rappresenta uno dei fronti decisivi della Prima guerra mondiale e il suo Sacrario custodisce le salme di oltre 29.000 soldati – dichiara Rampin – Rendere omaggio, in occasione del Centenario, al Milite portando la Madonnina del Grappa, tanto cara alla devozione delle truppe e dei civili, al Sacello dell’Altare della Patria è un modo di ricongiungere il passato, il presente e il futuro anche in considerazione del recente riconoscimento da parte dell’Unesco del Massiccio, come Riserva di Biosfera”.

“Nella corona deposta nel momento liturgico – prosegue – troverà sintesi la devozione laica e spirituale che attraversa l’intero Paese ed è di particolare attualità in questo momento storico”.

Dagli approfondimenti storici risulta che all’Altare non venisse celebrata per il Milite una messa da 65 anni. La Santa Messa è stata celebrata da monsignor Liberio Andreatta, Protonotario Apostolico, che ha voluto sottolineare l’altissimo valore di questo evento non solo per l’unicità del tornare a celebrare in questo luogo, ma soprattutto per il legame inscindibile che unisce il Monte Grappa e la sua Madonnina a questo luogo e a tutta l’Italia.

Assieme alla delegazione di Pieve del Grappa erano presenti le delegate del Corpo delle Infermiere volontarie CRI, i rappresentanti del Gruppo MOVM d’Italia e della Scuola Militare Nunziatella di Napoli da sempre legata al Monte Grappa.

Nella sede della Scuola militare, infatti, ogni studente rende quotidianamente omaggio al “Masso del Monte Grappa”, simbolo dello spirito di abnegazione e di amore per il proprio Paese, valori fondamentali nella formazione dei giovani.

(Foto: Comune di Pieve del Grappa).
#Qdpnews.it

Total
15
Shares
Articoli correlati