Il Comune vince il Premio Sostenibilità del GECT Euregio Senza Confini: venerdì a Klagenfurt la premiazione

“Questo premio è la conferma della bontà del percorso che, come amministrazione, abbiamo deciso di avviare nell’ormai lontano 2016 assieme ad Alterevo Società Benefit Srl – dichiara Larry Pizzol, sindaco di Sarmede – un percorso di valorizzazione del nostro grande patrimonio culturale basato su una strategia pluriennale “multifondo” che fino ad ora ha portato sul territorio più di due milioni di euro aggiuntivi, tra fondi Europei a gestione diretta, fondi strutturali e PNRR”.

“Per questo concorso – continua – abbiamo candidato il Progetto STREAM, ma ciò che ha fatto la differenza è stato l’aver dimostrato come le conoscenze e i risultati di un progetto, se inseriti in un disegno di rigenerazione e di sviluppo a base culturale di lungo periodo, possano essere capitalizzati per attrarre sempre nuove risorse e per raggiungere sempre nuovi obiettivi. La volontà e le finalità che stanno alla base di tutte le azioni progettuali, mirano a far compiere un salto di qualità all’offerta culturale e turistica del paese e, ancora di più, a fornire un modello di rigenerazione capace di invertire il trend di spopolamento presente in buona parte dei piccoli comuni montano-collinari”.

Venerdì 25 novembre dunque, a Klagenfurt in Austria, Sarmede sarà tra i 3 vincitori del Veneto che riceverà il prezioso riconoscimento direttamente dalle mani dei tre governatori regionali di Veneto, Friuli Venezia Giulia e Carinzia. Il “Premio Sostenibilità GECT Euregio Senza Confini”, è stato istituito per riconoscere e promuovere gli sforzi “dal basso verso l’alto” compiuti dagli enti pubblici e dagli enti di diritto pubblico per rispondere alle diverse esigenze dei cittadini dell’area di riferimento, prevedendo per i promotori delle iniziative più meritevoli il titolo di “Ambasciatori della sostenibilità”, creando così una rete transfrontaliera ed agendo da moltiplicatori per promuovere il messaggio di sostenibilità dell’Area Euregio.

“Il Progetto STREAM – afferma Alberto Ferri, presidente di Alterevo Società Benefit Srl – cofinanziato dal programma INTERREG VA Italia – Austria, ha permesso al Comune di Sarmede una “pianificazione intelligente” dello sviluppo locale su base culturale aprendo la via per diverse ulteriori iniziative, tra cui ricordiamo CIRCLE (un progetto di gemellaggio fondato sul concetto di “cittadinanza circolare”), GREEN_YOUTH (una rete di città finalizzata alla sensibilizzazione sui temi del Green Deal Europeo), DART4CITY (un progetto Erasmus Plus sul tema dell’arte come strumento di insegnamento delle materie tecniche e scientifiche, che vede la Fondazione Zavrel tra i partner del consorzio europeo), il Marchio d’Area dei Parchi Didattici dell’Alta Marca Trevigiana e, infine, REVIVAL, il progetto di rigenerazione culturale finanziato dal Bando Borghi del PNRR al Comune di Sarmede, attualmente in fase di avvio”.

La sostenibilità dunque, non solo ambientale, ma anche economica e operativa, è spesso frutto di un’attenta pianificazione strategica orientata all’innovazione, anche culturale. Questo è il messaggio del progetto STREAM e il senso del premio ottenuto dal Comune di Sarmede.

A tutto questo, aggiunge sempre il sindaco Pizzol, “Venerdì 28 ottobre scorso, si è tenuto al Teatro Auditorium di Sarmede l’evento intitolato: “Un ponte per la sostenibilità”, organizzato dal Comitato di Gemellaggio di Sarmede, in collaborazione con l’Istituto comprensivo di Cappella Maggiore e la GEMS Legacy School di Dubai. Come ospite d’eccellenza era presente Asha Alexander, preside della GEMS Legacy School, Leader del Climate Change della GEMS EDUCATION di Dubai e Leader certificato delle Nazioni Unite, con la quale l’Istituto Comprensivo di Cappella Maggiore ha attivato nel 2021 un progetto di scambio internazionale tra scuole sugli obiettivi dell’Agenda 2030″.

(Foto: Larry Pizzol).
#Qdpnews.it

Total
28
Shares
Articoli correlati