Il “furto delle merendine” a Castelcucco: 5 mila euro di danni per rubare 10 euro di barrette energetiche e bibite

Un atto vandalico da 5 mila euro al lavaggio automatico, di fronte al Rock Cafè su Strada dei Colli, ha di nuovo scosso la cittadinanza di Castelcucco: questa volta a essere distrutto è stato un distributore di merendine e bevande energetiche, che l’autolavaggio metteva a disposizione dei suoi clienti e dei suoi dipendenti.

Ad accorgersi del danno, avvenuto tra il 23 e il 24 febbraio, sono stati gli stessi titolari che, facendo sorveglianza nei piazzali delle proprie attività, hanno trovato dei pesanti piatti di bronzo per terra: gli stessi apparterrebbero al locale vicino, anch’esso colpito dall’inciviltà degli sconosciuti.

Seguendo queste tracce, i titolari si sono accorti della sagoma di una scarpa contro il vetro della macchinetta, che è stata scossa e bistrattata fino a rimuoverla dai bulloni a cui era agganciata, stracciando con le percosse anche parte della lamiera.

La macchina era in comodato d’uso e i danni sono coperti dall’assicurazione, ma al dispetto potrebbe conseguire una denuncia di furto, perché sono state sottratte merendine e bibite per un valore non superiore ai 10 euro.

“Siamo gente che lavora duro, specie in questo periodo – affermano i titolari – e pensare che ci sia gente a cui non frega è fastidioso. Ora dobbiamo sporgere denuncia, chiedere preventivi all’assicurazione, riparare il danno e ripulire il piazzale”.

Un fatto grave, quindi, più per una questione di principio che di valore: danneggiare un distributore da 5 mila euro per un furto di poche merendine tende a indicare che la priorità del colpevole o dei colpevoli non sta nel furto, quanto nella volontà distruttiva dei colpevoli.

La soluzione potrebbe stare nelle telecamere di sorveglianza, che in molti hanno deciso di ripristinare, sebbene la procedura richieda vari passaggi e costi.

 

(Fonte: Luca Vecellio © Qdpnews.it).
(Foto: Facebook).
#Qdpnews.it

Articoli correlati