Codognè, scuolabus perde le ruote: sempre più probabile il sabotaggio. Il sindaco: “Valutiamo di presentare denuncia e costituirci parte civile”


L’ombra di un folle sabotaggio dietro al gravissimo episodio avvenuto lunedì scorso, 17 gennaio, a Codognè si fa sempre più probabile.

Non si sarebbe trattato di un semplice guasto, di una disattenzione nell’avvitamento dei bulloni delle ruote posteriori sinistre, ma di una vera e propria azione premeditata.

Uno scuolabus della ditta di trasporti Marcon ha dovuto arrestare la sua corsa davanti al municipio di Codognè dopo aver perso due ruote sinistre posteriori. La conducente aveva riferito di aver sentito un botto e poi di aver visto le due ruote rotolare verso il marciapiede. Fortunatamente gli allievi delle scuole elementari e medie che utilizzano il servizio di trasporto erano già stati accompagnati a scuola da un paio d’ore e il veicolo era vuoto.

Il giorno dopo è stato riferito che a Conegliano, recentemente, un cartello minatorio era stato rinvenuto su uno scuolabus dell’azienda lasciato in sosta in un’area pubblica: un cartello il cui autore ordinava di cambiare area di sosta perché altrimenti “può rompersi qualcosa”. 

Tornando all’episodio delle ruote, fin da subito si stava scartando l’ipotesi di guasto, anche perché i mezzi erano stati controllati a fondo proprio durante le recenti festività natalizie.

Un fatto inspiegabile, dunque, se non ipotizzando una manomissione volontaria e dolosa come ha spiegato anche il sindaco di Codognè Lisa Tommasella: “Dopo che la ditta Marcon ha reso noto di aver ricevuto una nota minacciosa recapitata a Conegliano prendo sempre più in considerazione l’ipotesi di una manomissione“.

“Stiamo parlando di sei bulloni che tengono su due ruote: si potrebbe anche parlare di fatalità, però sei bulloni sono tanti. Quattro su sei sono stati trovati e ora, come amministrazione assieme ai Carabinieri di Codognè che stanno portando avanti le indagini, stiamo cercando di risalire all’eventuale responsabile. Stiamo inoltre valutando di presentare denuncia verso ignoti e costituirci parte civile“.

“Ripeto, è difficile che si tratti di una fatalità, il pulmino era stato revisionato ed era stato da poco in officina. Nulla è lasciato al caso e mi sembra veramente strano che due ruote si stacchino così”.

(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it



Total
11
Shares
Articoli correlati