L’atleta paralimpico Francesco Bettella a Follina incontra i ragazzi dell’Istituto comprensivo per parlare dello sport abbinato alla disabilità


Si è svolta oggi, lunedì 8 novembre, una serie di incontri con l’atleta paralimpico di Padova Francesco Bettella nell’Istituto Comprensivo di Follina.

Si tratta di un’iniziativa nata dal binomio Comune di Follina-Associazione sportiva Civitas Vitae Sport Education e che si è focalizzata su principi cardine come condivisione, uguaglianza e inclusione sociale.

Chi meglio di Francesco Bettella poteva rappresentare questo tipo di incontro con gli studenti? Il nuotatore ha partecipato alle Paralimpiadi di Tokyo la scorsa estate regalando all’Italia la prima medaglia della nazione nella competizione, riuscendo a portare a casa due bronzi nei 100 dorso S1 e nella 50 dorso S1: arrivando alle spalle dell’israeliano Iyad Shalabi e dell’ucraino Anton Kol.

Con i due argenti di Rio 2016, sono salite così a quattro le medaglie olimpiche conquistate dal nuotatore classe 1989, che si divide fra la pratica sportiva negli impianti messi a disposizione dalla società Padovanuoto e l’attività di ricerca nel dipartimento di biomeccanica dell’Università di Padova dove, nel team del professor Nicola Petrone, studia proprio gli ausili che possono migliorare la qualità della vita degli atleti con disabilità.

Gli studenti dell’Istituto hanno avuto dunque la possibilità di confrontarsi sui temi dello sport e della vita con il campione paralimpico.

“Penso sia un’iniziativa fondamentale – ammette Bettella – Questi ragazzi saranno gli adulti di domani e credo che raccontare e portare la nostra esperienza come atleti paralimpici sia importante per loro per creare una cultura di inclusione più vasta. È un progetto a cui il movimento paralimpico crede molto“.

Presente all’evento anche il vicesindaco di Follina Luca Zanta, che ha così commentato la presenza e sottolineato l’importanza di questo tipo di incontri per gli studenti: “Un’iniziativa che fa capire i valori dello sport, soprattutto lo sport abbinato alla disabilità. – precisa – È bello vedere come i ragazzi abbiamo partecipato e siano rimasti coinvolti in questo tipo di argomento: hanno capito che anche di fronte alle difficoltà c’è sempre una soluzione. Penso inoltre che sia un’opportunità unica per loro“.

Agli incontri hanno partecipato anche il dirigente scolastico del’Istituto Comprensivo Follina-Tarzo Gianpaolo Bortolini e la presidente dell’Associazione Civitas Vitae Sport Education di Padova Silvana Santi, in una giornata che gli studenti difficilmente dimenticheranno.

(Foto e video: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Total
9
Shares
Articoli correlati