“Sugli impianti sportivi servono investimenti come a Trevignano”. Quaggiotto (Montebelluna Insieme) punta anche sul Pnrr

La notizia dell’investimento di 2 milioni di euro da parte del Comune di Trevignano per la realizzazione del nuovo palasport ha stuzzicato il gruppo di minoranza “Montebelluna Insieme”, che invita l’amministrazione Bordin ad intraprendere azioni concrete verso il settore sportivo.

“La scelta di investire in questo settore – dice Davide Quaggiotto – è lungimirante: serve per le società sportive e per i giovani e non. Molti studi a proposito delle conseguenze della pandemia sui giovani citano un aumento dei casi di depressione, ansia e di obesità. Lo sport può essere una delle soluzioni per risolvere questi problemi. Infatti, anche dei rappresentanti delle minoranze hanno votato a favore di questa scelta, oppure non si sono opposti. Montebelluna invece durante la precedente legislatura ha chiuso un campo da calcio ed ora non pare ci sia all’orizzonte la volontà di realizzare nuovi spazi”.

Guardando solo al panorama calcistico trevigiano, la squadra di categoria più alta (serie D) è proprio a Montebelluna, senza contare tutte le altre discipline e il settore industriale della calzatura sportiva.

“Lo sport – aggiunge il consigliere di minoranza – è una delle vocazioni del nostro territorio e secondo noi bisogna investire in questo settore. Invitiamo quindi l’amministrazione ad essere attenta a questo ambito che richiede anche investimenti concreti, come sta facendo Trevignano”.

A proposito di investimenti, i tanti che potrebbero arrivare dai fondi del Pnrr, Quaggiotto ricorda che l’Anci Veneto ha organizzato un convegno in programma venerdì 3 a Santa Caterina a Treviso.

“Il tema è caldo perché a breve usciranno i primi bandi. Sono previsti oltre 320 amministratori collegati, ma il Comune di Montebelluna è uscito dall’Anci dopo il 2011, quindi non potrà partecipare all’evento. Chiediamo come ci stiamo preparando per ottenere i fondi europei del Recovery. Non abbiamo nessuna notizia concreta. Nel trevigiano c’è fermento, anche per il progetto ‘Grande Treviso’. A Montebelluna quasi non se ne parla”.

(Foto: Davide Quaggiotto).
#Qdpnews.it

Total
1
Shares
Articoli correlati