Bocconi avvelenati a Pieve di Soligo, esito negativo dopo l’attività di bonifica del Nucleo Cinofilo Antiveleno. Negri: “Non abbassiamo la guardia”

Il Nucleo Cinofilo Antiveleno della Regione Veneto non ha trovato nessun boccone avvelenato durante l’attività di bonifica delle aree interessate dagli episodi di morte per avvelenamento di alcuni cani nel territorio di Pieve di Soligo (vedi articolo).

Dopo le segnalazioni dei cittadini, l’amministrazione comunale ha richiesto questo intervento che ha interessato Borgo Stolfi, via dei Troi, il parco del Soligo, il parco e via Papa Luciani, via Sammartini, via Gentileschi, via Caldella e via Schenelle fino a via Caldella.

L’attività di bonifica è stata effettuata con un cane appositamente addestrato a rintracciare bocconi avvelenati: le verifiche hanno dato esito negativo.

Il Comune ha fatto sapere che la segnaletica di avviso, esposta nei giorni scorsi, verrà lasciata sul posto in via precauzionale.

In via dei Troi il cane ha trovato prima la traccia olfattiva e poi anche un ratto mummificato, che gli agenti del Nucleo hanno indicato come morto probabilmente per avvelenamento.

“Ringrazio il Nucleo Cinofilo Antiveleno della Regione Veneto per l’importante supporto – afferma l’assessore comunale all’ambiente Giuseppe Negri – L’attività di bonifica ha dato esito negativo ma non dobbiamo abbassare la guardia e, come ho già detto in passato, invito i proprietari di cani a portarli a guinzaglio e a tenerli sempre sotto controllo. Continuiamo a sorvegliare il territorio affinché episodi come quelli della morte di alcuni cani, di cui si è parlato tanto in questi giorni, non si ripetano più”.

“L’esito del controllo da parte del Nucleo Cinofilo Antiveleno ci fa comunque essere un po’ più sereni ma non ci fermeremo qui – conclude – Ribadisco ancora una volta che è sempre meglio non affidarsi ad un ‘fai da te’ inappropriato in caso necessità di un’operazione di disinfestazione. Ricordo infine il divieto di getto a spaglio di bocconi avvelenati di qualsiasi genere nelle aree pubbliche”.

Il Comune di Pieve di Soligo informa che sul territorio è in corso una campagna di derattizzazione affidata a una ditta specializzata, che ha collocato le esche in box che escludono il pericolo di dispersione.

(Foto: Comune di Pieve di Soligo).
#Qdpnews.it

Total
7
Shares
Articoli correlati